Corpo Forestale. Covid-19: oltre 11.300 controlli dal 14 marzo

Prosegue l’azione di controllo da parte del Corpo Forestale e di vigilanza ambientale della Regione Sardegna per vigilare sul rispetto delle regole stabilite per l’emergenza epidemiologica da Covid-2019. Nella giornata del 27 marzo sono stati effettuati 596 controlli (dal 14 marzo sono oltre 11.300): 147 nell’area di Cagliari, 52 Iglesias, 39 Oristano, 179 Sassari, 86 Tempio, 56 Nuoro, 37 Lanusei. Sono state sanzionate 9 persone (8 a Cagliari, 1 a Sassari), segnalate alla Magistratura. Inoltre, sono stati controllati i passeggeri di tre traghetti sbarcati nello scalo di Porto Torres. L’inosservanza delle Ordinanze del Presidente della Regione comporta le conseguenze previste dall’articolo 650 del Codice penale, con arresto fino a 3 mesi e sanzione.

Cagliari. Coronavirus: controlli con l'ausilio dei droni

Anche il Comune di Cagliari, tramite il Comando della Polizia Locale, utilizzerà i droni per verificare gli eventuali spostamenti di persone e assembramenti, in modo da contribuire a garantire il contenimento dell’emergenza epidemiologica Coronavirus, così come previsto dai D.C.P.M in vigore. In questo senso l’ENAC Ente Nazionale dell’Aviazione Civile, viste le esigenze manifestate da numerosi Comandi di Polizia Locale presenti sul territorio nazionale, ha emanato un provvedimento (n. 23/03/2020 n°.0032363-P), assicurando piena operatività agli operatori delle Polizie Locali, anche in deroga ai regolamenti A.P.R. (Mezzi Aerei a Pilotaggio Remoto) in vigore. Le operazioni prevedono, con cadenza quotidiana fino al termine dell’emergenza, il sorvolo dei quartieri cittadini e delle zone difficili da raggiungere se non tramite l’ausilio dei droni. L’obiettivo primario è la verifica di eventuali assembramenti di persone e di spostamenti non autorizzati. Le riprese aeree si effettueranno inizialmente ad una quota che non consentirà il riconoscimento facciale e, solo in un secondo momento, laddove si configuri una violazione al D.P.C.M in vigore, la quota verrà abbassata per poter procedere ad una eventuale identificazione. Il drone utilizzato è dotato di altoparlante, termocamera e camera e può essere impiegato anche in operazioni notturne. Si potranno inoltre registrare anche eventuali richieste di soccorso. Il drone ha una autonomia di 2 ore per ogni operazione di volo. Il Comando della Polizia Locale di Cagliari si avvarrà della collaborazione, a titolo gratuito, di Italdron Academy Base Sardegna con sede a Cagliari, in via dell’Artigianato 13/A, Centro di Addestramento Piloti A.P.R. Enac, che ha messo a disposizione del Comando di Polizia Locale tutto il supporto logistico e tecnico necessario. Il network Italdron Academy, Centro di Addestramento ENAC 004, conta ben 22 basi sparse su tutto il territorio Nazionale. La Base sarda è una base di eccellenza del Gruppo e ha formato in questi anni numerosi professionisti come Enti Istituzionali e forze dell’ordine, collaborando inoltre a numerose operazioni tramite mezzi e personale altamente qualificato e addestrato.

Sassari. Droni per il controllo delle misure restrittive

La Polizia Locale di Sassari, per potenziare i controlli sul rispetto delle misure restrittive anti contagio, imposte dal Governo, da mercoledì 25 marzo inizierà ad utilizzare anche i droni. Allo scopo il team specializzato nell'uso di questi apparecchi collaborerà con gli agenti in auto, moto e in borghese, per controllare in maniera più incisiva tutta la città. Intanto, nella sola giornata di ieri sono stati effettuati 144 controlli alle persone e 16 negli esercizi commerciali. Il bilancio di tali attività ha portato a sei denunce per violazione delle prescrizioni contro la diffusione del Covid-19.

Controlli per l'emergenza Covid-19. Altre denunce della Guardia di Finanza: scoperta anche un'estetista abusiva

Continua con quotidiana incisività il lavoro della Guardia di Finanza di Cagliari a controllo del rispetto delle disposizioni emanate dall’Autorità di Governo per arginare la diffusione del Coronavirus. L’impegno delle pattuglie dislocate sull’intero territorio della provincia ha finora condotto all’effettuazione di quasi 2300 controlli nei confronti delle persone – le quali non possono allontanarsi dalle proprie abitazioni se non per comprovate esigenze normativamente previste – nonché degli esercizi commerciali, non tutti autorizzati all’apertura e comunque tenuti ad osservare un preciso orario di esercizio. Nell’alveo di queste attività, i Finanzieri hanno riscontrato numerose violazioni specifiche, inoltrando all’Autorità Giudiziaria comunicazioni di notizia di reato nei confronti dei trasgressori, resosi responsabili del reato previsto dall’art. 650 del Codice Penale. Tra queste, le ultime in ordine di tempo, hanno principalmente riguardato il litorale del Sarrabus, dove i Finanzieri, in una circostanza, hanno fermato due persone che, sul litorale di Costa Rei, effettuavano una passeggiata in bicicletta, ben distanti dalle loro abitazioni, con la scusante di voler effettuare una sana attività motoria. Sempre nel Sarrabus, le Fiamme Gialle hanno invece fermato una signora, vista uscire da una abitazione. Alla domanda sul perché si trovasse fuori casa, la signora - già di per sé evidenziando una condotta illecita - rispondeva che era “passata a salutare una sua amica”. Ma la circostanza che la stessa tenesse costantemente nella tasca del giubbotto una delle due mani, senza mai tirarla fuori, ha attirato la curiosità dei Finanzieri. Approfondendo il contesto, i militari hanno appurato che la mano tenuta nascosta dalla signora era “fresca di manicure” e che quindi la fermata non era stata a trovare una sua amica, bensì a farsi fare un trattamento estetico per le mani. Le Fiamme Gialle sono quindi acceduti, con l’autorizzazione dell’Autorità Giudiziaria, presso l’appartamento da dove era uscita la signora, scoprendo che al suo interno veniva svolta abusivamente l’attività di estetista da parte di una ragazza. I Finanzieri hanno perciò provveduto a inventariare tutto il materiale ivi rinvenuto (unghie finte, smalti, gel, elementi decorativi, lampade, limette e forbicine) per sottoporlo a sequestro. Per la “titolare” dell’attività di estetista è scattata la denuncia penale per lo svolgimento abusivo di professione nonché quella per non aver sospeso l’attività lavorativa. La cliente è invece stata denunciata per aver lasciato la propria abitazione senza comprovati motivi.

Cagliari. Controllati oltre centoventi veicoli all’ingresso della città

Nuovi controlli della Polizia Locale di Cagliari che nella mattina di oggi, domenica 22 marzo, ha proseguito con l’attività per il rispetto delle disposizioni emanate con i DPCM per fronteggiare l’emergenza Covid-19 e il contenimento della diffusione del virus. Ad un posto di controllo rafforzato, predisposto nella via Riva di Ponente all’ingresso della città, sono stati controllati oltre centoventi veicoli, i rispettivi conducenti ed eventuali passeggeri. A seguito delle verifiche, sono emerse delle immotivate giustificazioni sugli spostamenti che hanno portato alla denunzia penale per i responsabili. Alcune delle persone controllate risultavano residenti in comuni che distavano oltre trenta chilometri da Cagliari. Sanzionato al Poetto anche un cittadino residente in un comune dell’hinterland che girava indifferente lungo la corsia ciclabile dichiarando espressamente che non intendeva rispettare le limitazioni che riteneva inefficaci. Le pattuglie della Polizia Municipale e delle altre forze dell’ordine hanno predisposto, a partire dalla serata di sabato 21 e per tutta la notte fino alle prime ore di domenica 22 marzo, un accurato servizio di controllo delle principali zone della città dove, normalmente, si svolgono i mercatini domenicali. Non è stata rilevata alcuna criticità e nessuno si è presentato per predisporre la propria postazione per la vendita. Sono, inoltre, iniziati i controlli presso le residenze dichiarate o i domicili indicati dalle persone che hanno fatto rientro nell’Isola e che devono osservare il periodo di quarantena fiduciaria come indicato nei provvedimenti della Regione Sardegna.

Agenti forestali sorvegliano le località costiere per il rispetto delle ordinanze

Mentre il numero dei casi positivi al Covid-19 raggiunge quota 80, la Regione intensifica gli sforzi per garantire il rispetto delle ordinanze. In questi senso milletrecento agenti forestali della Regione sorvegliano giorno e notte le campagne e le località costiere, per vigilare sul rispetto delle ordinanze del Presidente della Regione e in particolare sull'obbligo di quarantena per i non residenti che si sono riversati nelle case al mare.

"L'intera macchina regionale è sul campo in uno sforzo senza precedenti, dice il Presidente Christian Solinas, per limitare la diffusione del virus e tutelare la salute dei Sardi. Non molleremo neanche un istante e saremo inflessibili. Quasi 500 controlli solo oggi, dice l'assessore all'ambiente Gianni Lampis, e 15 sanzioni erogate per coloro che non hanno rispettato le regole. Chi non rispetta le ordinanze del Presidente incorre nelle sanzioni previste dall'art. 650 del cp, che prevede anche l'arresto.

Cagliari. Controlli sul commercio ambulante

Prosegue l'attività di vigilanza sui venditori ambulanti nell'ambito cittadino. La Polizia Municipale, in sinergia con la Guardia di Finanza, anche questa settimana ha operato una serie di controlli in diversi quartieri, dedicando particolare attenzione alle zone dei mercati cittadini, E'stata verificata la correttezza della concorrenza nello svolgimento del commercio ambulante e della vendita di frutta e verdura. I controlli, anche a tutela della salute dei consumatori, sono stati effettuati a Marina Piccola, nel quartiere del Poetto, in via Sant'Alenixedda, nel quartiere di San Benedetto e in via Quirra nel quartiere di Is Mirrionis, nell'ambito di una più ampia programmazione di attività d’intervento. A fronte di numerose attività risultate regolari sono state accertate varie violazioni alla normativa di settore. A Marina Piccola un esercente abusivo effettuava la vendita di oggettistica senza le prescritte autorizzazioni, nella via Sant'Alenixedda un venditore ambulante di frutta e verdura esponeva alla vendita la merce sul marciapiede senza il regolare titolo abilitativo. Entrambi sono stati sanzionati e nei loro confronti e' stato disposto il sequestro della merce. Per i prodotti alimentari,dopo il previsto controllo da parte dell'ATS Sardegna ASSL di Cagliari, che ne ha certificato la non tracciabilità e, quindi, la mancanza di requisiti di “sicurezza alimentare”, si è proceduto alla distruzione, non potendo, per tali limiti, essere ceduta in beneficenza. Dai controlli svolti nella via Quirra non sono emerse irregolarità. I servizi di controllo proseguiranno anche nelle prossime settimane.

Iglesias. Non si ferma al posto di controllo dei Finanzieri: denunciato per resistenza a pubblico ufficiale

Nell'ambito dei controlli finalizzati al controllo sul rispetto delle norme a disciplina della circolazione stradale, la scorsa sera, a Iglesias, una pattuglia di Finanzieri intimava l’alt ad un furgoncino, il quale ignorava la segnalazione e si dava alla fuga. Dopo un inseguimento per le vie cittadine, il trasgressore è stato raggiunto e bloccato. Trasportato presso la locale Tenenza, ove si sono svolte le operazioni di identificazione e verbalizzazione e di controllo del mezzo – risultato non trasportante merce ed idoneo per la circolazione - il 29 enne conducente, di Iglesias, è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per resistenza a pubblico Ufficiale, alla luce della non ottemperanza dell’alt intimatogli dalle Fiamme Gialle, circostanza per la quale lo stesso non ha fornito particolari motivazioni. L'episodio si inserisce nell'ambito dei controlli effettuati dalla Guardia di Finanza volti, durante l’arco delle 24 ore di ogni giorno e con appositi posti di controllo, a verificare l’osservanza di tutte quelle norme sottese alla corretta disciplina della circolazione stradale. L’attività delle Fiamme Gialle nel comparto del controllo sull’osservanza del Codice della strada è quotidiana, incisiva e diffusa: dall’inizio dell’anno sono stati fermati 13.653 veicoli e controllate 16.065 persone: sono stati elevati 755 verbali che hanno portato all’irrogazione di sanzioni per complessivi € 210.255 ed alla decurtazione di un totale di 988 punti dalle diverse patenti. Sono state riscontrate 57 infrazioni per l’utilizzo del cellulare durante la guida, 229 omesse revisioni, 68 mancate coperture assicurative, 15 casi di guida senza patente in quanto mai conseguita (in 4 occorrenze, a causa della reiterazione della violazione, i guidatori sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria) ed effettuato il ritiro di 80 carte di circolazione, 5 patenti per possesso di sostanze stupefacenti ed il sequestro di 80 automezzi.
Sottoscrivi questo feed RSS

giweather joomla module