Cagliari. Con lo smartphone in cimitero per la ricerca delle sepolture e la storia di Cagliari

Entrare in un cimitero e avere a portata di mano tutte le informazioni sulla vita delle persone defunte. Al Cimitero monumentale di Bonaria da oggi è possibile. L'Amministrazione comunale ha infatti dotato di codice Qr le sepolture, raccogliendoli in un pannello digitale, di 55 personaggi che hanno contribuito a scrivere le pagine più importanti della storia di Cagliari e della Sardegna, tra la fine del 18 esimo e la metà del 20esimo secolo. In parole povere, un normalissimo codice a barre quadrato che permette di accedere a un mini sito (www.cimiterobonaria.it) nel quale sono raccolte notizie e immagini che possono essere visualizzate con uno smartphone o un tablet. Ma anche illustrare l’unicità del Cimitero, attraverso la descrizione dei monumenti e delle sculture ivi presenti, di almeno una per ogni singolo artista che ha contribuito a renderlo il più ricco museo a cielo aperto per l'arte dell'Ottocento nell'Isola. Alla piattaforma digitale del Cimitero di Bonaria, si aggiunge un ulteriore e diverso intervento di informatizzazione, che riguarda quello di San Michele e di Pirri. Grazie a un'applicazione qualunque tipo di telefonino si trasformerà in un vero e proprio navigatore. In questo senso sarà sufficiente collegarsi al link www.cimitericagliari.it , digitare il nome e il cognome del defunto e si verrà “guidati verso la sepoltura”. Una dotazione questa di cui sono stati dotati i cimiteri cittadini che si aggiunge al servizio offerto dall’installazione dei totem telematici, operativi da settembre del 2017. La mappatura delle sepolture, fin ora 85mila, è completa per quanto riguarda i cimiteri di San Michele e Pirri. È invece in fase di ultimazione per il Cimitero di Bonaria.

Cagliari. Totem telematici per trovare la tomba del caro estinto

Trovare la collocazione della sepoltura del caro estinto nei cimiteri di San Michele, Pirri e Bonaria, sarà molto più semplice. Di fatto, l'installazione di alcuni totem telematici consentirà a parenti e amici di individuare l'esatta ubicazione delle tombe, grazie al ricorso delle nuove tecnologie. L'iniziativa, molto utile nel caso dei cimiteri in questione, dove le tombe sono in totale circa 85 mila, è stata presentata questa mattina presso il cimitero di San Michele, il più esteso con 65 mila tombe. Le apparecchiature che verranno posizionate all'ingresso del cimitero di San Michele consentiranno la visualizzazione di una planimetria con un cerchio luminoso che indicherà l'esatta ubicazione della sepoltura. La stessa mappa si potrà visualizzare anche dal computer di casa o da qualunque dispositivo con una connessione internet. Per lo stesso cimitero, il più esteso del capoluogo, è stata completamente rivisitata la toponomastica interna. In questo senso è previsto il posizionamento di settantuno targhe per migliorare l'orientamento interno.
Sottoscrivi questo feed RSS

Cagliari