BANNER 300X250

Ristoranti. I sindaci premono per la riapertura serale

“Sì a riapertura dei ristoranti la sera”. E' quanto emerge dall'incontro di domenica 21 febbraio tra Governo ed Enti Locali. In particolare, riassumendo le esigenze dei sindaci del territorio nazionale in quattro punti principali, il presidente dell’ANCI nazionale, Antonio Decaro, ha esposto il pensiero delle amministrazioni locali che vorrebbero da subito la riapertura delle attività di ristorazione anche nelle ore serali. Una posizione sposata anche dal primo cittadino di Cagliari, Paolo Truzzu, impegnato come i suoi colleghi, affinchè, perfezionando e modificando il sistema dei parametri, si possa arrivare ad una progressiva riapertura delle attività di ristorazione anche la sera.

”Sono favorevole alla riapertura dei ristoranti anche la sera - ha dichiarato Truzzu - anche perché dalle 18 alle 22, con i locali chiusi, è possibile che si creino assembramenti altrove -come case private, piazze, luoghi all’aperto - difficili da presidiare, con il rischio che le situazioni vadano fuori controllo”.

A corroborare l'aspettativa dei sindaci per un rapido cambio di rotta, in direzione delle riaperture serali, i quattro punti principali presi in considerazione dal presidente ANCI, De Caro:

1) "Il sistema dei parametri per stabilire le limitazioni su basi certe funziona, ha fatto tenere sotto controllo la curva e ci ha evitato un nuovo lockdown generalizzato. Per questo riteniamo che debba restare in vigore, anche se gli indici da utilizzare possono essere modificati sulla base delle indicazioni delle autorità scientifiche al tavolo tecnico con le Regioni".

2) "I ristoranti, a condizione del rispetto di protocolli rigidi sulle distanze, devono poter riaprire anche di sera: la consumazione al tavolo assicura condizioni di sicurezza maggiori rispetto agli assembramenti che purtroppo si creano fuori dai locali che fanno il servizio di asporto delle bevande, soprattutto con l'arrivo della bella stagione".

3) "Bisogna lavorare immediatamente a un piano vaccinale in grado di gestire la vaccinazione di massa che confidiamo di dover organizzare da marzo. Un piano che per funzionare deve coinvolgere i sindaci per l'utilizzo delle strutture comunali che permettono di concentrare numerosi punti di vaccinazione, come i palazzetti dello sport".

4) "Infine occorre procedere con speditezza al finanziamento dei nuovi ristori".

Cagliari. Il sindaco Paolo Truzzu nominato vice presidente nazionale dell'ANCI

Il primo cittadino di Cagliari, Paolo Truzzu, è stato nominato vice presidente dell'ANCI, con delega in materia di Trasporto pubblico locale e traffico urbano.

"Sono certo che il tuo prezioso e fattivo contributo in questo ruolo - afferma nella sua nota di nomina il presidente di Anci, Antonio Decaro - sarà fondamentale per la vita associativa e per sostenere e tutelare sempre con maggiore determinazione gli interessi dei Comuni e delle Città in un'ottica di affermazione dell'interesse generale del Paese e dei cittadini".

Il sindaco Truzzu ha ringraziato il presidente per il conferimento del prestigioso incarico e per la "pesante quanto strategica delega sui trasporti".

"Le politiche della mobilità sono fondamentali dentro le realtà urbane che cambiano - ha affermato il sindaco - la mia idea è che un trasporto pubblico locale efficiente e pulito aiuti i cittadini ad avere una migliore qualità della vita, meno inquinamento, meno traffico e di conseguenza, meno stress. Lavoro quotidianamente perché la vita dei miei concittadini sia la più semplice e organizzata possibile. Oggi Cagliari, la mia città, - prosegue Truzzu - ha puntato molto sulle zone 30, fino ad arrivare a complessivi 10 mila metri quadrati: sono percorsi per bus, bici, micro-mobilità elettrica (monopattini etc.) nei quali è garantita la sicurezza. Del resto, le statistiche sulla mortalità derivata da incidenti, sono allarmanti. Un trasporto pubblico locale efficiente e un traffico organizzato servono allo sviluppo complessivo della città, dalle attività economiche ai consumi fino alla mobilità degli studenti".

Ed è proprio su quest’ultimo tema che il sindaco concentra l’attenzione: “già dalla precedente esperienza in Consiglio Regionale- puntualizza Truzzu- feci approvare una norma che prevedeva sconti cospicui per tutti gli studenti che utilizzavano i mezzi pubblici. Con il Ctm, l’azienda cittadina del trasporto pubblico locale, il rapporto è continuo e proficuo. Stiamo lavorando per ampliare il numero di corse in modo da decongestionare la presenza a bordo dei mezzi, in questo periodo di Covid. Far viaggiare in sicurezza i nostri ragazzi e i cittadini, ovviamente, è un nostro impegno preciso”.

Edicole. Accordo tra Regione, Anci e Fieg

Approvato l'accordo tra Regione, Anci e Fieg (Federazione Italiana Editori Giornali) nell'ambito del Programma Regionale di Sviluppo. Un programma che definisce per i prossimi quattro anni le linee prioritarie connesse alle politiche strategiche in materia di identità turistica e che contiene il “Progetto pilota edicole”, finalizzato a potenziare la rete di accoglienza. In particolare, il protocollo descrive obiettivi che consentono, inoltre, in cambio di servizi per la comunità, di mantenere l’occupazione in attività economiche che hanno risentito nel tempo di un calo progressivo del fatturato. L’accordo quadro - condiviso con gli enti locali e gli editori - rientra nelle azioni descritte recentemente con una delibera della Giunta regionale.

“Intendiamo rafforzare le politiche di accoglienza turistica nella nostra terra definendo l’identità culturale e ambientale attraverso un programma di comunicazione digitale che vedrà il coinvolgimento attivo delle edicole in Sardegna. Pensiamo al futuro: superare in fretta questa emergenza fornendo un supporto per rendere competitiva la nostra Isola è uno dei nostri obiettivi”. E' quanto dichiarato dal presidente della Regione, Christian Solinas, a margine della firma del protocollo d’intesa tra la Regione - con gli assessorati del Turismo e degli Enti locali - l’Anci Sardegna e la Fieg.

“Vogliamo raggiungere il duplice obiettivo di sostenere le edicole - presidi diffusi capillarmente nella nostra Regione - con iniziative funzionali che, valorizzando e ridefinendo il loro ruolo tradizionale, possano essere un punto di erogazione di servizi per i turisti e i cittadini”, ha sottolineato l’assessore regionale del Turismo, Gianni Chessa.

“Il rapporto diretto degli edicolanti con il pubblico e gli spazi a disposizione nelle loro attività commerciali rappresentano un elemento innovativo col quale comunicheremo la nostra identità turistica in maniera immediata ed efficace”, prosegue l’esponente della Giunta Solinas che rimarca “le edicole saranno ‘punti di informazione’ riconoscibili attraverso una specifica immagine coordinata”.

Fase 2. Differenziazioni regionali delle riaperture solo dal 18 maggio

E' quanto confermato dal ministro degli Affari Regionali, Francesco Boccia, durante la videoconferenza avuta con i governatori delle Regioni, riguardante la possibilità di riaperture differenziate. In particolare quanto verrà definito per il 18 maggio si baserà sostanzialmente sull'esame dei dati raccolti dal ministero della Salute inerenti il contagio da Covid 19. Un esame che inizierà l'undici maggio e terrà conto anche delle linee guida dell'Inail. D'accordo i comuni italiani che attraverso il presidente dell'Anci, Antonio Decaro, hanno sposato la linea del ministro Boccia sulle riaperture in base alle linee guida nazionali, rinunciando alle loro prerogative.

Il Presidente dell'Anci Decaro: bandiere a mezz’asta in tutti i Comuni

“Domani martedì 31 marzo alle ore 12 noi sindaci, in tutta Italia, esporremo sulla facciata del Comune la bandiera a mezz’asta e osserveremo un minuto di silenzio. Sarà il nostro modo per ricordare le vittime del coronavirus, per onorare il sacrificio e l’impegno degli operatori sanitari, per abbracciarci idealmente tutti, per essere di sostegno l’uno all’altro, come sappiamo fare noi sindaci”.

Lo dichiara Antonio Decaro, sindaco di Bari e presidente dell’Anci, che ha aderito all’iniziativa lanciata dal presidente della Provincia di Bergamo, Gafforelli per i sindaci del suo territorio, e l’ha allargata a tutto il Paese.

“I sindaci, da destinatari e custodi delle preoccupazioni delle comunità che amministrano - sottolinea Decaro - sopportano una forte pressione e si fanno carico di una grande responsabilità davanti ai cittadini. Nonostante la situazione di grave emergenza che viviamo, non vogliamo far prevalere lo sconforto, ma stare uniti sia nel gravissimo lutto che colpisce più duramente alcune aree del Paese, sia nella solidarietà che deve tenerci tutti insieme”.

Cagliari. Raccolta firme per l’introduzione nelle scuole dell’educazione alla cittadinanza

Prosegue anche a Cagliari la raccolta firme a sostegno della proposta di legge di iniziativa popolare per l’introduzione dell’educazione alla cittadinanza come materia curricolare nelle scuole di ogni ordine e grado. L’iniziativa ha il sostegno dell’Anci e vede coinvolti tutti i sindaci italiani. Promossa dal Comune di Firenze, ha avuto il suo momento iniziale lo scorso 14 giugno con il deposito in Corte di Cassazione di una proposta di legge da parte di una delegazione di sindaci. L’obiettivo è quello di introdurre l’Educazione alla Cittadinanza Attiva come materia scolastica con l’intento di sensibilizzare gli studenti all’idea di comunità, di rispetto reciproco, di sviluppo civico, di valore della memoria attraverso lo studio della Costituzione, di elementi della legalità, di educazione ambientale, digitale e alimentare. A Cagliari i cittadini possono recarsi presso gli sportelli dell’Ufficio Elettorale e in tutti gli Uffici di Città per firmare a sostegno della proposta di legge. Maggiori informazioni sono disponibili sul sito dell’ANCI.

Ghilarza. Confronto Regione e amministratori locali contro i tagli dello Stato

Si è svolta oggi a Ghilarza una seduta congiunta delle commissioni Autonomia e Bilancio del Consiglio Regionale, alla quale hanno preso parte i presidenti di Anci e Cal, oltre a un centinaio di sindaci (tra i quali quello di Cagliari Massimo Zedda) e amministratori provenienti da tutta la Sardegna. Motivo dell'incontro, quello di "portare avanti la battaglia comune contro i tagli che da dieci anni lo Stato sta applicando in modo sempre più pesante alle entrate destinate agli enti locali". Tra i temi prioritari affrontati durante la seduta, l'aiuto ai Comuni in difficoltà per i debiti fuori bilancio, l'apertura di un tavolo con la Regione per definire l'applicazione del fondo unico degli enti locali sulla base delle entrate fiscali, la riduzione immediata degli accantonamenti da destinare subito al fondo. La riunione di Ghilarza si inserisce all'interno del drammatico scenario che sta impattando in maniera determinante sulle politiche gestionali dei Comuni, privati di circa 300 milioni di euro all'anno. Un conto complessivo che ammonta a circa tre miliardi di euro che sarebbero venuti a mancare nelle casse comunali e provinciali dal 2009. Oltre agli obiettivi di breve scadenza, la seduta è stata utile anche per affrontare anche un obiettivo di più lungo termine, ovvero la regionalizzazione della finanza locale.

Comune Cagliari. Arriva il premio dell'ANCI per il progetto di smart parking

L'ANCI, nel corso della 34a edizione dell'assemblea nazionale, in corso di svolgimento a Vicenza, ha premiato Il Comune di Cagliari nella categoria "Istruzione? di qualità" ai Cresco Award, per il progetto di smart parking rivolto ai disabili. Il premio evidenzia l'importanza del connubio tra sviluppo tecnologico e servizi per la mobilità dei disabili. Il futuro della PA si gioca anche sulla capacità di utilizzare le tecnologie più avanzate per consentire una più agevole esistenza ai cittadini, soprattutto a quelli più deboli. Un aspetto sul quale il Comune di Cagliari insiste da tempo.
Sottoscrivi questo feed RSS

giweather joomla module