Sassari. Albero cade su un'auto, illesa la conducente

A causa delle forti raffiche di vento, un grosso albero di ulivo è crollato sull'asfalto cadendo su una vettura che in quel momento transitava nel tratto di strada interessato. L'episodio si è svolto nel quartiere Latte Dolce, causato anche dell'abbondante pioggia. Fortunatamente la donna che si trovava alla guida è rimasta illesa. Rimasta danneggiata la carrozzeria dell'auto. In generale le avverse condizioni meteo delle ultime ore hanno messo a dura prova la macchina dei soccorsi, con i Vigili del Fuoco e gli agenti della Polstrada sassarese, costretti ad effettuare numerosi interventi per garantire la sicurezza degli automobilisti e dei pedoni.

Sassari. L'ospedale fa acqua

Tre stanze del reparto di Cardiochirurgia del Santissima Annunziata dell'Aou di Sassari sono state interessate da significative infiltrazioni d'acqua, causate dalla rottura del pluviale, a seguito del temporale che si è abbattuto la notte scorsa sulla città. Il personale medico e infermieristico è intervenuto per spostare tre pazienti in altri locali della struttura. Vigili del Fuoco e una squadra di operai si sono adoperati per isolare il pluviale danneggiato. In un primo momento si è pensato che l'infiltrazione potesse essere stata provocata dai lavori di ristrutturazione che interessano il piano superiore della Cardiochirugia. Ipotesi subito scartata a seguito delle verifiche effettuate.

Sassari. Attentato incendiario contro il vice presidente della Torres Calcio

E' accaduto nella notte tra giovedì e venerdi. L'auto del vice presidente della Torres Calcio, parcheggiata nel cortile di casa, viene data alle fiamme. In base ai primi rilievi, i responsabili del gesto avrebbero saltato il muro di recinzione dell'abitazione per poi cospargere di liquido infiammabile l'auto che ha preso fuoco. Fortunatamente i Vigili del Fuoco sono riusciti a domare le fiamme impedendo che queste si estendessero anche alla vicina abitazione del vice presidente della Torres. A lanciare l'allarme il presidente del club, che abita accanto. Intanto gli agenti della Digos di Sassari hanno avviato le indagini per risalire ai responsabili del gesto e, soprattutto, per capire se quanto accaduto sia ascrivibile in qualche maniera al ruolo di dirigente sportivo o al lavoro di agente di commercio svolto dal proprietario dell'auto data alle fiamme.

Sassari. Inaugurata la mostra "Cronache dell'Autonomia. Sardegna 1943 – 1953" e "l'archivio digitale “70 anni di Autonomia. Sardegna 1948 - 2018”

Nell'ambito delle celebrazioni per i 70 anni dello Statuto speciale della Sardegna ieri mattina sono stati aperti al pubblico negli spazi espositivi della Fondazione di Sardegna a Sassari, la mostra“Cronache dell’Autonomia. Sardegna 1943-1953” e l’archivio digitale “70 anni di Autonomia. Sardegna 1948-2018”. Inaugurata lo scorso 26 febbraio a Cagliari, al palazzo del Consiglio Regionale, in occasione della visita del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, la mostra “Cronache dell’Autonomia”, curata da Davide Mariani e firmata nell’allestimento da Stefano Ercolani, prosegue ora il suo viaggio nella prestigiosa sede sassarese della Fondazione di Sardegna per riproporre le vicende che hanno riguardato l’isola durante i dieci anni compresi fra la fase finale della Seconda guerra mondiale, l’approvazione dello Statuto e la prima legislatura del Consiglio. "E' un privilegio poter ospitare questa mostra nei nostri spazi espositivi di Sassari – ha sottolineato Angela Mameli vicepresidente della Fondazione di Sardegna – perché questo palazzo in pieno centro sta finalmente diventando un punto di riferimento culturale per la città e i suoi abitanti. Abbiamo scelto di sostenere il progetto del Consiglio Regionale perché l'allestimento mette a disposizione di tutti del materiale straordinario, utile per conoscere e approfondire i Settant'anni dello Statuto speciale della Sardegna". La mostra ripercorre i momenti più importanti legati all’approvazione dello Statuto e allo stesso tempo restituisce uno spaccato del clima socioculturale dell’Isola. Dall’istituzione di un Alto commissariato, con la nomina del generale Pietro Pinna Parpaglia, passando per la prima Giunta Consultiva e i primi progetti di Statuto, l’esposizione segue le cronache regionali e nazionali dell’epoca e mette in luce episodi e personalità di rilievo che hanno contribuito e animato il dibattito sullo Statuto sardo. Tramite una rassegna di documenti ufficiali, materiali fotografici e articoli della stampa, molti dei quali in edizione d’epoca, vengono inoltre ricostruite le tappe che, partendo dalle elezioni del primo Consiglio regionale della Sardegna portarono alla formazione della prima Giunta il 25 giugno 1949. Il percorso espositivo si chiude con una selezione di riviste e reportage audiovisivi che contestualizzano lo scenario politico rispetto ai più ampi confini sociali e culturali della Sardegna del secondo dopoguerra, come le inchieste del 1950 di Federico Patellani pubblicate sul settimanale “Tempo”. "È con grande soddisfazione che portiamo a Sassari questa mostra – ha sottolineato il presidente del Consiglio Regionale, Gianfranco Ganau – perché si tratta di una testimonianza accurata di quelli che sono stati i percorsi politici e formali per ottenere il nostro Statuto. Sono convinto che l'Autonomia rappresenti un patrimonio per tutti noi sardi che dobbiamo custodire e difendere con forza». L’esposizione è ulteriormente arricchita da un archivio digitale “70 anni di autonomia – Sardegna 1948-2018” che, partendo dalla data della firma dello Statuto speciale, arriva fino ai giorni nostri. "L’archivio digitale si compone di oltre un centinaio di fotografie, perlopiù inedite – ha spiegato il curatore della mostra Davide Mariani - e di una raccolta di documenti istituzionali tratti dall’archivio storico del Consiglio regionale della Sardegna". I materiali fotografici sono suddivisi in sezioni tematiche che seguono la naturale fisionomia dei contenuti dell’archivio: dall’insediamento dei Presidenti e delle Giunte, alle celebrazioni e commemorazioni di eventi e ricorrenze, passando per la vita politica e le visite istituzionali, fino alle sedi che, dal primo insediamento del Consiglio, avvenuto nell’Aula Consiliare del Comune di Cagliari, hanno ospitato e accompagnato la storia di questi primi 70 anni di Autonomia della Sardegna. L’archivio digitale ripropone l’installazione permanente ospitata nel Palazzo del Consiglio regionale, sviluppata in verticale lungo i sei piani della sede del Parlamento sardo. Nel corso della presentazione, alla quale hanno partecipato anche gli studenti del Liceo Artistico “F.Figari” di Sassari e del Liceo Artistico “F.Ciusa” di Nuoro, Ganau ha illustrato la campagna di comunicazione istituzionale dedicata al Settantesimo: il logo realizzato per l'occasione e l'immagine simbolo di un neonato avvolto dalla bandiera sarda, accompagnata dal messaggio “Di fronte ai millenni della nostra storia, l'autonomia sarda è appena nata”. «Abbiamo deciso di lanciare questa campagna di comunicazione in occasione delle celebrazioni per il Settantesimo – ha sottolineato il presidente Ganau – per festeggiare insieme a tutti i sardi la nostra Autonomia, i suoi valori e la sua storia». L'apertura al pubblico della mostra è stata anche l'occasione per presentare al pubblico sassarese la canzone e il videoclip di UMPARE, il pensiero rivolto ai sardi per celebrare i 70 anni dello Statuto speciale della Sardegna, scaricabile gratuitamente dalla pagina dedicata www.sardegna70.it. La mostra “Cronache dell'Autonomia 1943 – 1953” e l'archivio digitale “70 anni di Autonomia – Sardegna 1948 – 2018” rimarranno aperti al pubblico fino al 10 dicembre, con orario continuato, dal lunedì al sabato (10.00-19.00).

Sassari. Al via Promo Autunno 2018

Organizzata dalla Pubblicover Events di Claudio Rotunno, Promo Autunno 2018 è stata inaugurata oggi dal sindaco Nicola Sanna e dall'arcivescovo Gianfranco Saba, alla presenza di numerosi rappresentanti istituzionali, economici e sociali del territorio. La manifestazione, cui hanno aderito oltre 150 aziende provenienti da tutta la regione ma anche extraregionali, ha come ingredienti principali la moda, il cibo, le tradizioni, l'arredamento, la tecnologia, il servizio pubblico. Spazio anche a talk show, food event, sfilate e spettacoli. Giunta alla sua terza edizione, Promo Autunno 2018 rappresenta un'importante occasione di sviluppo e promozione per l'intero territorio regionale, offrendo l'opportunità per far conoscere l'isola anche a livello internazionale. Nella sua scorsa edizione é stata registrata la presenza di oltre 75 mila visitatori. Cifra che fa ben sperare anche per l'edizione 2018, anche in considerazione della sua portata internazionale. Fra gli oltre 300 stand aziendali ospitati, anche quello del Comune di Sassari, della Camera di Commercio, della Fondazione Alghero, di Confindustria, dei Comuni di Sennori e di Ittiri e dell'Azienda trasporti pubblici. Ospite d'eccezione la Dinamo Sassari Banco di Sardegna.

Sassari. Al via “ICHNUSA 4.0 – L'isola connessa”

Inaugurata oggi la tre giorni di iniziative denominata “ICHNUSA 4.0 – L'isola connessa”. Promossa per raccontare e approfondire i temi del Piano Nazionale Scuola Digitale, il viaggio di Futuro Italia, l'evento a tappe voluto dal Miur, è ospitato all'interno dei nuovi locali del Padiglione per l'artigianato “Eugenio Tavolara”, riaperto per l'occasione al pubblico. Presente anche il presidente del Consiglio Regionale, Gianfranco Ganau, che ha dichiarato: "una manifestazione che mette Sassari e la nostra isola al centro di un evento di particolare rilevanza che consentirà a centinaia di studenti e ai loro insegnanti, insieme ai tanti dirigenti scolastici presenti, di partecipare a vetrine tecnologiche, simulazioni, workshop sui temi dell'innovazione didattica e digitale per costruire una scuola all'avanguardia e al passo con i tempi. Quest'iniziativa – ha sottolineato Ganau - si inserisce molto bene all'interno dell'azione portata avanti dalla Regione Sardegna sulle politiche per la scuola con i progetti Iscol@ per avere finalmente strutture più sicure e adeguate alla nuova didattica e Tutti a Iscol@ il programma triennale attivato per rafforzare il sistema scolastico, migliorare le competenze degli studenti e contrastare il fenomeno della dispersione scolastica. E consentitemi di esprimere tutta la mia soddisfazione perché in quest'occasione di confronto e condivisione oggi riapriamo un'importante istituzione culturale regionale, per troppo tempo rimasta chiusa al pubblico. Siamo vicini, infatti, alla riapertura definitiva del Padiglione Tavolara perché è finalmente terminata la fase di restauro. Sono convinto - ha concluso il presidente del Consiglio Regionale - che grazie all'accordo tra il Comune di Sassari e la Regione, a breve sarà pienamente disponibile».

Sassari. Il 30% degli inquilini delle case popolari non paga l'affitto al Comune

Presentato oggi il piano straordinario di manutenzione delle case di edilizia economica popolare. In tutto 1.200 appartamenti dati in affitto alle famiglie bisognose, con canoni mensili tra i 7 e i 110 euro. In base ai dati illustrati dall'assessore delle Politiche abitative, Ottavio Sanna, il Comune avrebbe speso, nell'arco di quattro anni, 2 milioni di euro per rendere le case popolari più abitabili e sicure. In particolare, il patrimonio di edilizia residenziale pubblica è stato oggetto di 520 interventi. Tra il 2014 e il 2016 sono stati spesi 1,5 milioni per 350 interventi. Dal 2016 a oggi la Regione ha messo a disposizione 511 mila euro per 150 interventi, alcuni ancora in corso. Nonostante quanto fatto dall'Amministrazione Comunale, occorrono ancora altre risorse per la manutenzione ordinaria e straordinaria degli immobili, considerando il significativo patrimonio comunale. A rendere le cose più complicate il fatto che almeno il 30% degli assegnatari è moroso - come sottolineato da Sanna. Una situazione delicata che l'Amministrazione Comunale non intende sottovalutare, ponendo tra le sue priorità quella della ricerca di ulteriori risorse per la progettazione degli interventi necessari.

Sassari. Sicurezza a rischio, ancora chiuse due scuole dell'infanzia

Rientro a scuola ma non per tutti. Sicuramente per i piccoli utenti delle scuole dell'infanzia della borgata di Ottava e di viale Trieste. Ad impedire il rientro presso il plesso di Ottava il perdurare dei lavori di messa in sicurezza e ripristino che dureranno ancora un altro mese. Intanto l'Amministrazione Comunale ha trovato una soluzione temporanea per consentire comunque la fruizione del servizio. In questo senso i piccoli alunni sono stati indirizzati verso l'istituto comprensivo di Li Punti, dove saranno accompagnati grazie al servizio gratuito scuolabus messo a disposizione dal Comune. Ancora da avviare i lavori in viale Trieste. Qui non é ancora chiaro quali siano gli interventi da effettuare. I bambini frequenteranno comunque le lezioni presso il plesso di via Gorizia.
Sottoscrivi questo feed RSS

16°C

Cagliari

Mostly Cloudy

Humidity: 59%

Wind: 19.31 km/h

  • 18 Nov 2018 16°C 11°C
  • 19 Nov 2018 17°C 11°C