Cagliari. Blitz mercato S. Elia: sequestro di ulteriore materiale contraffatto

Il bliz della Guardia di Finanza di Cagliari, effettuato durante il mercato domenicale di Sant’Elia, ha prodotto ulteriori sviluppi. Di fatto i finanzieri hanno ampliato lo spettro delle investigazioni e si sono recati presso l’abitazione dei due venditori, colti in fallo, nel Comune di Quartu Sant'Elena. Al suo interno, in prima battuta, i Baschi Verdi hanno rinvenuto scatole e bustoni contenenti ulteriore materiale contraffatto – non dissimile per tipologia e marchi riportati da quelli sequestrati su strada – pronti per essere commercializzati. Ma la scoperta più interessante è stata quella relativa al rinvenimento di un ingente quantitativo di etichette adesive ed in stoffa, riprodotte, per forma e dimensioni, in modo da essere applicate su scarpe, maglieria ed accessori “neutri” e trasformarli, almeno ad un primo sguardo, in prodotti del tutto simili agli originali. Infatti, prendendo ad esempio una scarpa, la stessa sembrava identica all’originale, ma, ad una osservazione più approfondita, i marchi apposti risultavano posticci e non perfettamente allineati, nonché, la suola non riportava i loghi del brand di appartenenza. L’abitazione dei due venditori è risultata così essere un luogo di vero e proprio assemblaggio dei prodotti illeciti, operazione che avveniva semplicemente con l’applicazione delle etichette grazie a colla e ferro da stiro, strumenti trovati in loco. Complessivamente, sono stati rinvenuti e quindi posti sotto sequestro, tra magliette felpe, pantaloni, scarpe ed occhiali, 849 prodotti nonché 6.617 etichette riportanti i marchi Fila, Converse, Nike, Colmar, Saucony Adidas e Timberland.

Cagliari. Sequestrati 290 articoli contraffatti a Sant'Elia

I Baschi Verdi della Guardia di Finanza, durante un controllo nel quartiere di Sant’Elia, sede di mercatino domenicale, hanno individuato una “bancarella” abusiva con esposte numerose paia di scarpe e articoli di maglieria. Alla vista dei Finanzieri, i due venditori hanno tentato di raccogliere velocemente la loro mercanzia, ma senza esito: i militari li hanno tempestivamente intercettati ed hanno iniziato le operazioni di identificazione dei soggetti e di riscontro della merce venduta. Attività di riscontro che hanno coinvolto anche l'autovettura dei due venditori, parcheggiata nei pressi della bancarella e utilizzata come magazzino per ulteriore merce da vendere. Complessivamente, sono stati rinvenuti 290 articoli non originali tra scarpe, capi d’abbigliamento e accessori, recanti marchi riconducibili a note case di moda, quali Nike, Adidas, Liu-Jo, Hogan, All-Star, Colmar, Saucony, Fred Perry, Fila, D&G, Armani, Gucci. Tutti gli articoli, a prima vista non dissimili dagli originali, presentavano un grado di contraffazione elevato, distinguendosi da quelli venduti tramite i canali ufficiali, per pochi e accurati dettagli, difficili da riprodurre senza i macchinari propri delle “case madri”. La merce è stata sottoposta a sequestro ed i venditori, 2 soggetti extracomunitari con regolare permesso di soggiorno, sono stati segnalati alla locale Autorità Giudiziaria per il reato di contraffazione. Dall’inizio dell’anno, complessivamente sono stati sequestrati 138.617 articoli contraffatti e segnali all’Autorità Giudiziaria 15 soggetti. Sono tutt’ora in corso approfondimenti investigativi volti a verificare i canali di approvvigionamento di prodotti contraffatti.

Cagliari Scoperta centrale di spaccio a Sant'Elia

I Baschi Verdi della 2a Compagnia della Guardia di Finanza di Cagliari e i Carabinieri della Stazione Carabinieri di San Bartolomeo, con l’ausilio delle unità cinofile della Guardia di Finanza hanno effettuato ieri un servizio di perlustrazione del quartiere Sant’Elia. All’altezza di Via Schiavazzi, i militari hanno concentrato la loro attenzione su un palazzo nelle cui adiacenze notavano un via vai di persone, alcune delle quali note alle Forze dell’Ordine per specifici precedenti in materia di sostanze stupefacenti, ma soprattutto, sulle scale esterne del primo e del secondo piano, alcuni soggetti con atteggiamenti guardinghi e sospetti, tipici delle “vedette”. Finanzieri e Carabinieri hanno quindi fatto scattare il blitz: salendo da ambedue le scale laterali del palazzo – con un classico “intervento a tenaglia” – sono dapprima riusciti a immobilizzare le vedette e successivamente a raggiungere gli spacciatori prima che questi potessero rifugiarsi all’interno degli appartamenti. Le perquisizioni – dapprima effettuate nell’appartamento e nel vano ascensore adibiti a vero e proprio market della droga e successivamente nelle abitazioni dei 3 soggetti trovati intenti alle attività di spaccio – hanno portato al rinvenimento di un ingente quantitativo di stupefacente: 1.486 dosi di eroina (per un totale di 239,15 grammi), 845 dosi di cocaina (per complessivi 140,35 grammi), 56,51 grammi di hashish e 30,37 grammi di marijuana. Finanzieri e Carabinieri hanno inoltre rinvenuto e sottoposto a sequestro strumentazione necessaria a gestire la “piazza di spaccio”: una macchina conta banconote, bilancini di precisione, coltelli per tagliare lo stupefacente, bustine monodose per il confezionamento delle dosi, oltre che 7.050 euro in contanti, già provento della precedente attività di spaccio. Sono stati altresì trovate due pistole a piombini ed un fucile ad aria compressa, armi cui sono stati asportati i segni distintivi (tappino rosso) che contraddistinguono un’arma “giocattolo” rendendola del tutto identica ad una reale. Sono così stati tratti in arresto quattro soggetti per spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti e resistenza a Pubblico Ufficiale cui si aggiunge, per uno, il reato di evasione in quanto già sottoposto agli arresti domiciliari e per un altro la violazione della misura della sorveglianza speciale. Per un quinto soggetto è scattata la denuncia per concorso in spaccio di sostanze stupefacenti. I quattro soggetti arrestati sono stati tradotti nella Casa Circondariale di Uta.

Cagliari. Operazione antidroga dei Carabinieri: sequestrati oltre 100 chili di hascisc

I Carabinieri della Stazione di San Bartolomeo e della Compagnia di Cagliari, nel corso di un blitz in una palazzina di via Schiavazzi, hanno tratto in arresto due giovani e denunciato una donna. All'interno dell'abitazione sono stati rinvenuti oltre 100 chili di hascisc, confezionati in mille panetti, bilancini di precisione, materiale per confezionare le dosi e una ventina di grammi di marijuana. L'operazione dei Carabinieri giunge al termine di una serie di attività di controllo del quartiere in cui è stato effettuato il blitz. Ora si tratta di stabilire la provenienza della droga. In questo senso sono state avviate le relative indagini.

Cagliari. Nonnina nascondeva in casa oltre un chilo e duecento grammi di droga

Un'anziana nonnina di 71 anni, è stata trovata in possesso di un chilo di cocaina e 200 grammi di eroina per un valore complessivo di oltre 100 mila euro. A condurre l'operazione che ha portato all'arresto della donna per detenzione e spaccio di droga, i Carabinieri della Stazione di San Bartolomeo. Il tutto si é svolto questa mattina nel quartiere Sant'Elia. Qui i militari, che seguivano da tempo i movimenti dell'anziana donna, la hanno notata uscire di casa per accompagnare alla fermata del bus la nipote. Dopo averla perquisita i Carabinieri hanno quindi deciso di ispezionare la sua abitazione in via Schiavazzi. Una volta all'interno dell'abitazione la sorprendente scoperta: cocaina ed eroina, oltre seimila dosi già confezionate, nascoste in una borsa frigo. Trasferita in una cella di sicurezza, la nonnina è ora in attesa del processo.

Cagliari. Apre al pubblico il primo lotto del Parco degli Anelli

Apre al pubblico il primo lotto del Parco degli Anelli, un'area verde attrezzata di 45.000 metri quadri che si affaccia sul lungomare del quartiere Sant'Elia. Con la sua estensione e con la piantumazione di oltre 500 nuovi alberi, aumenta ulteriormente il già ricchissimo patrimonio verde della città che oggi, con i suoi 228 ettari fruibili, garantisce a ogni cagliaritano una quota di 14,5 mq di verde, ben al di sopra degli standard indicati dalle norme. La realizzazione del Parco interviene su un'area ampia ventidue ettari, finora incolta e degradata, inserita a ridosso, e in buona parte all'interno, del comparto di edilizia popolare. L'incarico di elaborare la progettazione preliminare del Parco era stato affidato all'architetto paesaggista portoghese João Nunes. Completato il primo lotto di oltre quattro ettari, è stato contemporaneamente individuato il gruppo di progettazione che dovrà, nei prossimi mesi, in coerenza con le linee contenute nel progetto preliminare, predisporre il progetto definitivo/esecutivo che consentirà il proseguimento dei lavori sui rimanenti diciotto ettari. Già il primo lotto contiene molti degli elementi che caratterizzano il progetto preliminare del parco nella sua interezza: - la realizzazione di un nuovo spazio per le manifestazioni culturali all'aperto, in stretta connessione con le sale coperte dell'antico Lazzaretto: un grande palcoscenico che guarda al mare garantirà già dalla prossima stagione estiva la possibilità di programmare eventi teatrali, musicali, cinematografici, letterari, di danza in uno scenario di struggente bellezza; - la creazione di un sistema di spiagge verdi. I vasti prati che caratterizzano il versante del parco che si affaccia sul mare offrono un'originale alternativa alle modalità di balneazione più tradizionali; - la salvaguardia degli elementi naturali rappresentati in primo luogo dalla collina rocciosa e dalla sua ricca macchia mediterranea; - la tutela della Galleria/rifugio del Lazzaretto, antica sede ipogeica di una comunità monastica, più di recente utilizzata come rifugio antiaereo in occasione dei distruttivi bombardamenti su Cagliari nel 1943. - la predisposizione di percorsi dedicati a pedoni e ciclisti; - il ripensamento e la riorganizzazione degli spazi dedicati al mercatino rionale all'aperto. L'obbiettivo è recuperare la sua antica vocazione di mercato del pescato e di altri prodotti agroalimentari di eccellenza, facendolo crescere in attrattività per la comunità locale e per i flussi turistici. Un considerevole arricchimento delle possibili attività nel parco verrà conseguito con la realizzazione del secondo lotto. I contenuti principali saranno: - la realizzazione di un'arena, integrata nel verde, destinata all'organizzazione di eventi musicali. Con una capienza attorno ai 2500 spettatori si integrerà nel sistema cittadino di strutture destinate alle attività culturali e di spettacolo; - la destinazione di un'area, anch'essa integrata nel verde, dotata di un centro servizi e infrastrutturata con impianti per gli sport da spiaggia. Piscine di sabbia di dimensioni regolamentari consentiranno la pratica del beach tennis, del beach volley, del beach rugby e del beach soccer. - la creazione di un pump truck, con un sentiero dotato di gobbe e di curve paraboliche che consenta la pratica degli sport che prevedono l'uso di biciclette bmx; - la costruzione di pontili che permettano un agevole accesso al mare e la pratica degli sport velici; - la realizzazione, già avviata, nel settore del parco più prossimo all'abitato di boschi di alberi ad alto fusto in grado di offrire il ristoro dell'ombra. - la riqualificazione di un tratto ancora esistente di un antico canale e la sua trasformazione in un anfiteatro affacciato sull'acqua, destinato a diventare nuovo luogo di incontro e sede di piccole attività culturali e di spettacolo.

Cagliari. Al via la raccolta fondi per la statua di Gigi Riva

Sarà alta tre metri e sessanta e raffigurerà Rombo di Tuono - Gigi Riva in una delle sue famose posizioni di tiro. Dopo l'ok del ministro dell'Interno, Matteo Salvini, il progetto inizia a vedere la luce, grazie alla raccolta fondi organizzata da un'apposito Comitato, costituito da semplici cittadini, che ha privilegiato l'azionariato popolare per finanziare l'opera che sorgerà sul lungomare Sant'Elia, davanti al Lazzaretto. L'obiettivo è quello di raggiungere 100.000 euro, importo necessario per procedere alla costruzione della statua. Intanto arrivano le prime consistenti donazioni: qualcuno, da solo, ha versato 500 euro. In caso di eccedenze - come sottolineato dal Comitato - "l'eventuale surplus di denaro sarà destinato a un'opera di bene legata al calcio come ad esempio l'istituzione delle giornate di festa alla scuola calcio, dove vengono fatti scendere in campo e assistiti dagli istruttori persone poco dotate tecnicamente o con disabilità, che provano a calciare o colpire di testa". Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito www.gofundme.com/una-statua-per-gigi-riva.

Cagliari. Una giornata dedicata alla pulizia del quartiere di Sant’Elia

Si ferma per un giorno il birrificio di Assemini: tutti i dipendenti del birrificio Ichnusa, insieme ai volontari di Legambiente, partner dell’iniziativa, hanno ripulito dai rifiuti abbandonati per strada il quartiere Sant’Elia. Un gesto semplice ma concreto che parla di rispetto e impegno per la propria terra, valori in cui Ichnusa crede da sempre e che ha voluto rendere tangibili attraverso il progetto “Ichnusa per la Sardegna”. Un progetto, lanciato quest’anno, che nasce dalla volontà di contribuire alla salvaguardia delle bellezze dell’isola, e che ha visto come prima tappa il rilancio del formato più sostenibile, il vuoto a rendere. Presenti all’evento anche il Cagliari Calcio, l’imprenditrice green Daniela Ducato, e l’assessore alla Innovazione tecnologica, Comunicazione e Politiche per il decoro urbano, Claudia Medda. “Cagliari in questi mesi sta affrontando una sfida importante – commenta Claudia Medda – è partita la raccolta differenziata porta a porta, aumentata la percentuale di rifiuti sottratti a smaltimento e avviati a recupero, e speriamo che anche questa iniziativa contribuisca ad accrescere la sensibilità ambientale e renderci più consapevoli e responsabili verso la nostra terra. Per cui ringrazio Ichnusa e Legambiente a nome del Sindaco e di tutta l’Amministrazione per questa giornata”. A scendere in campo insieme ad Ichnusa anche il Cagliari Calcio. Impegnato con il campionato, il club ha voluto comunque sottolineare il suo sostegno all’iniziativa con la partecipazione di due storiche bandiere rossoblù. Daniele Conti, attualmente responsabile dell’area tecnica del club e Andrea Cossu, da questa stagione, dopo l’addio al calcio giocato la scorsa estate, nello staff del Settore giovanile. Si è unita anche Daniela Ducato, imprenditrice di Guspini recentemente insignita del Miiw “Most influent innovative woman 2018”. Il prestigioso riconoscimento, conferito dallo storico magazine americano Fortune, le è stato assegnato per il suo lavoro di trasformazione degli scarti in nuove risorse e materiali edili ecosostenibili. Tra i materiali di recupero usati dalla Ducato anche le eccedenze di lavorazione della birra Ichnusa. Una giornata di lavoro che ha permesso la raccolta di sacchi di rifiuti indifferenziati, copertoni, cassonetti di vetro. Le aree ripulite interessate dalla pulizia sono state quelle del Parco degli Anelli, del Lungomare Sant’Elia, della Pineta Su Siccu, fino alla pista ciclabile lungo il Canale di San Bartolomeo.
Sottoscrivi questo feed RSS

3°C

Cagliari

Partly Cloudy

Humidity: 77%

Wind: 14.48 km/h

  • 03 Jan 2019 13°C 1°C
  • 04 Jan 2019 12°C 1°C