Meteo. Neve in Ogliastra e temperature in calo

L'ondata di freddo che sta investendo l'isola ha fatto registrare le prime nevicate del 2019. In Ogliastra, a Lanusei sono caduti copiosi fiocchi di neve che hanno creato non pochi disagi alla viabilità cittadina. Tante le località sarde che hanno visto un'abbassamento significativo delle temperature, fino a sotto lo zero. L'apice è stato registrato a Fonni con una temperatura minima di -8° gradi. Freddo anche a Ozieri (-5°), zero gradi a Olbia, 1° a Nuoro e Sassari, mentre a Cagliari la minima è stata di 3 gradi. In base a quanto previsto dai metereologi il freddo proseguirà fino al weekend.

Lanusei. Apertura centro diurno "Sulle Ali del Tempo" in dirittura d'arrivo

Fervono i lavori di allestimento e pulizia della struttura che ospiterà il Centro Diurno per anziani affetti da demenza senile "Sulle Ali del tempo". Il centro, che aprirà i battenti a brevissimo, offrirà un servizio, primo di questo genere in tutto il territorio dell’Ogliastra, reso possibile grazie al coinvolgimento della Fondazione con il SUD, che ha ritenuto meritevole di finanziamento il progetto proposto dal Consorzio Territoriale Network Etico Italia Soc. Cooperativa Sociale Consortile Onlus (Consorzio N.E.T.). Di fatto, a regime, il servizio consentirà la presa in carico di 25 anziani, affetti da demenza senile precoce o moderata e/o da patologie neurologiche che interferiscono sulle funzioni cognitive. Tutto questo grazie ad una struttura completamente ristrutturata, dotata di attrezzature e impianti all'avanguardia. Tra questi, un impianto fotovoltaico dotato di pannelli di ultima generazione, con modalità di attivazione alternata, in base alle effettive esigenze dei singoli ambienti. Una soluzione che consentirà di sopperire per circa l'80% alle esigenze energetiche della struttura, con un significativo risparmio in termini economici e un'occhio di riguardo all'ambiente. L'erogazione del servizio all'interno del centro sarà resa possibile grazie all'impegno degli operatori della cooperativa sociale Geriatrica Serena di Lanusei, ditta designata dal Consorzio N.E.T. per la gestione della struttura e grazie anche alla preziosa collaborazione di diversi partner, pubblici e privati. Tra questi, ASL 4 di Lanusei, Comune di Lanusei, Unione dei Comuni d'Ogliastra, CNR - Istituto di Ricerca Genetica e Biomedica, Associazione Mi Fido di Te Asd, Associazione Malattia di Alzheimer Sardegna, Cooperativa Sociale ADA, Fondazione Marcella Melis. A ciò si aggiunge la disponibilità dimostrata da parte di numerose associazioni locali, privati cittadini e rappresentanti del comparto produttivo e commerciale locale, coinvolti direttamente nelle attività propedeutiche all'inaugurazione del centro. In particolare si evidenziano due iniziative specifiche, che avranno luogo nel mese di dicembre, finalizzate ad "aprire" la struttura alla comunità e che vedranno coinvolti diversi volontari in piccole operazioni di manutenzione degli ambienti e verniciatura dei cancelli. Contemporaneamente, si lavora agli ultimi dettagli riguardanti l'assetto organizzativo del servizio, che vede già impegnata una qualificata equipe di lavoro, composta da una coordinatrice di struttura, una coordinatrice sanitaria, un responsabile del programma socio sanitario e del monitoraggio delle attività specialistiche, una psicologa, un animatore e diversi operatori socio assistenziali. Oltre alle attività ordinarie e specialistiche, grazie al contributo di Alleanza Assicurazioni, il servizio verrà potrà contare anche sull'adozione della "Doll Therapy" o terapia della bambola, finalizzata al trattamento riabilitativo di soggetti affetti da demenza e, in particolare, da malattia di Alzheimer. E mentre si lavora alacremente per giungere all'inaugurazione del centro, iniziano a giungere le prime richieste da parte dell'utenza. Ad oggi sono già una decina gli utenti che hanno manifestato l'interesse per poter fruire del servizio. Per ulteriori informazioni sull'operatività del Centro Diurno (modalità di accesso, costi ecc.), è possibile contattare gli uffici della coop.va Geriatrica Serena ai numeri 0782.483030 / 340.45272366 o, in alternativa, inviare un'apposita email a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. / Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. / Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Lanusei. Tentativo di furto con la ruspa

Durante la notte si si è verificato un tentativo di furto presso l'Eurospin in prossimità dello stadio Lixius. I malviventi, che con una ruspa hanno sfondato la vetrina dell'esercizio commerciale, sono fuggiti a mani vuote grazie all'arrivo di un camion che doveva scaricare delle merci. Immediato l'allarme. Le guardie giurate e il personale del commissariato di Lanusei indagano per cercare di risalire all'identità dei malviventi.

Lanusei. 21 indagati per la sparizione delle provette di Dna

La vicenda risale a due anni fa quando sparirono 25 mila provette di Dna dal parco Genos di Perdasdefogu. Ora la Procura di Lanusei ha chiuso le indagini che vedono indagate 21 persone per furto, peculato, falsità materiale commessa da pubblico ufficiale in atti pubblici, illecita trattazione di dati sensibili. Il sangue contenuto nelle provette sparite apparteneva a 14 mila ogliastrini e veniva usato per lo studio del Dna di una delle popolazioni più longeve al mondo e la ricerca sulle malattie ereditarie. Tra gli indagati emerge il nome del professor Mario Pirastu che, in qualità di presidente del Cda di Genos, si sarebbe impossessato del materiale biologico, in concorso con la sua collaboratrice Simona Vaccargiu, per trasferirlo a Cagliari "a scopi scientifici", come spiegato a suo tempo dal genetista. A rischiare la richiesta di rinvio a giudizio anche il prof. Maurizio Fossarelli, primario della clinica oculistica del San Giovanni di Dio di Cagliari, dove furono ritrovate le provette; il presidente e i consiglieri di amministrazione di Genos Valter Vittorio Mura, Maurizio Caddeo, Franco Tegas, Mariano Carta (sindaco di Perdasdefogu), Piergiorgio Lorrai e Ercole Perione; l'amministratore unico di Longevia Tiziano Lazzaretti; i presidenti e i consiglieri di Shardna Barbara Angelini, Alessandro Longo, Gianluca Roberto Santoro, Maurizia Squinzi Mario Valsecchi e Gian Luigi Galletta. A seguito dei sequestri al Cnr di Sassari del gennaio 2018, sono stati inoltre indagati i presidenti pro tempore del Cnr Luciano Maiani, Francesco Profumo e Massimo Inguscio, il direttore dell'Irgb del Cnr di Cagliari Francesco Cucca e il curatore fallimentare della Shar.Dna Renato Macciotta. Gli avvocati hanno 20 giorni di tempo per depositare memorie e documenti, in attesa delle decisioni del pm: richiesta di processo o archiviazione.

Ogliastra. Imprenditore evasore seriale

La Guardia di Finanza di Arbatax, su mandato del Tribunale di Lanusei, ha condotto un'operazione che ha portato alla confisca per 4 milioni e 500 mila euro appartenenti ad un imprenditore ogliastrino, considerato un evasore seriale. L'operazione, dal nome "Affari di famiglia", ha comportato per l'indagato, l'applicazione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel comune di Tortolì per la durata di tre anni. In particolare, l'imprenditore, che risultava nullatenente, aveva nelle sue disponibilità un patrimonio di tutto rispetto: gli accertamenti patrimoniali, estesi al nucleo familiare, hanno infatti consentito di accertare un valore sproporzionato tra i redditi dichiarati e gli arricchimenti patrimoniali dell'indagato, attraverso beni immobili e disponibilità finanziarie per complessivi 4 milioni e 500 mila euro. Tra questi, nove immobili, una struttura alberghiera, un terreno e 12 autoveicoli, oltre a quote sociali e conti correnti riconducibili all'imprenditore. Le indagini, avviate più di tre anni fa, hanno fatto emergere il comportamento illecito dell'imprenditore durato per oltre un ventennio.

Lanusei. A processo la maestra accusata di maltrattamenti

Le accuse mosse da alcuni genitori dei suoi alunni sono pesanti. Percosse e ingiurie nei confronti dei suoi alunni di prima elementare. La vicenda, che risale all'anno scolastico 2013-2014, vede coinvolta una maestra 63 enne di Villagrande Strisaili. Per questi motivi Il Gup del tribunale di Lanusei, accogliendo la richiesta del pm titolare delle indagini, ha rinviato a giudizio l'insegnante che dovrà comparire il 6 febbraio 2018 davanti al giudice monocratico. Oltre alle percosse e le ingiurie, l'insegnante avrebbe impedito più volte ai bambini di utilizzare i servizi igienici, di bere durante lezione e di andare in cortile per la ricreazione. Le indagini svolte dai Carabinieri attraverso il ricorso a intercettazioni ambientali, audio e video sono state incluse nel fascicolo del pm che lo scorso 13 maggio ha chiesto la fissazione dell'udienza preliminare. Gli inquirenti hanno inoltre fatto notare che nonostante le indagini, la docente abbia continuato ad esercitare il suo ruolo di insegnate agli stessi alunni che sarebbero stati - secondo l'accusa - "vittime dei comportamenti violenti dell'educatrice". Intanto il difensore della maestra, fiducioso che tutto potrà essere chiarito in sede processuale, ha evidenziato che a carico della maestra non c'è mai stato nemmeno un provvedimento disciplinare da parte dell'istituto scolastico.

Lanusei. Sciopero della fame e restituzione dei certificati elettorali per una sanità più equa

In vista del dibattito in Consiglio Regionale sulla Riforma della rete ospedaliera il Comitato #giù le manidallogliastra mette in campo clamorose azioni di protesta. La presidente della Pubblica assistenza volontari di soccorso Urzulei (Pavs), Giorgina Secci, ha iniziato oggi lo sciopero della fame per rivendicare "una giusta ed equa sanità in Ogliastra". OLtre allo sciopero della fame anche lei restituirà la scheda elettorale al suo Comune. "Siamo l'unico territorio che non ha ottenuto una modifica migliorativa per l'ospedale Nostra Signora della Mercede di Lanusei - sottolineano i membri del Comitato, evidenziando il problema connesso all'istituzione dei distretti sanitari territoriali di macroarea. "Un problema a dir poco scandaloso - dichiara il Comitato - che metterà in ginocchio tutta la Sanità territoriale ogliastrina: con una delibera di giunta Regionale (con l'Ats che ha già dato disposizioni in merito e in attesa del voto in Aula) vengono istituti dei distretti sanitari territoriali di macroarea: Oristano, Nuoro, Ogliastra distretto nel quale ovviamente noi non contiamo nulla sia in termini di assegnazione, di budget che di controllo. Anche per questo un'altra lotta si profila all'orizzonte".
Sottoscrivi questo feed RSS

3°C

Cagliari

Partly Cloudy

Humidity: 77%

Wind: 14.48 km/h

  • 03 Jan 2019 13°C 1°C
  • 04 Jan 2019 12°C 1°C