Sanluri. Incidente stradale. Muore un giovane di Serramanna

Avrebbe perso il controllo dell'auto in curva mentre percorreva la Provinciale 58 fra Sanluri e Samassi. Uscita fuori strada, la vettura si sarebbe ribaltata sbalzando fuori il conducente che poi sarebbe stato travolto. Inutili i soccorsi, troppo gravi le ferite riportate nell'incidente. La vittima è un ragazzo di Serramanna, Manuel Zudda, di 26 anni.

Irpef. L'opposizione attacca Pigliaru per la proposta di aumento

Il voto favorevole del centrosinistra all’aumento dell’IRPEF suscita le dure critiche dell'opposizione in Consiglio Regionale. A commentare una decisione che non trova certo il favore dei contribuenti, già vittime di un sistema sanitario fallimentare, è il capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale, Pietro Pittalis che dichiara:“nelle sue dichiarazioni programmatiche il presidente Pigliaru promise di ridurre la pressione fiscale, ma in due anni prima ha aumentato l’IRAP, che noi avevamo ridotto del 70%, e poi l’IRPEF. Lo stesso Pigliaru aveva promesso che avrebbe ridotto la spesa sanitaria, ma questa risulta aumentata, i conti sono fuori controllo e la Giunta, dopo aver depredato i Comuni, si accinge a mettere le mani nelle tasche dei cittadini. Anche la gestione della sanità appare fuori controllo, come dimostrano le cronache dei quotidiani che danno conto ogni giorno di disservizi intollerabili. C’è un altro elemento che non può passare inosservato: la proposta di aumentare le aliquote sbugiarda la Giunta sulla vertenza entrate. Se avessero realmente ottenuto i soldi da Renzi, potrebbero usarli anziché vampirizzare i sardi".

Aziende ricettive. Rateizzazione per la restituzione aiuti di stato legge 9/98

Le imprese alberghiere coinvolte nella vicenda della restituzione degli aiuti di Stato percepiti con la legge 9/98 potranno ricorrere alla rateizzazione per la restituzione delle somme ricevute. E' quanto reso noto dalla Regione ieri pomeriggio durante una riunione convocata appositamente per le imprese ricettive. Per poter usufruire della possibilità di rateizzazione è necessario sottoscrivere uno specifico accordo che prevede come termine ultimo per la restituzione il 31 ottobre 2016. A ciò si aggiunge lo sgravio di alcuni oneri relativi alla usuale procedura di recupero tramite Equitalia. I limiti temporali, imposti dall’Unione Europea per la restituzione degli importi, non sono prorogabili e allo scadere degli stessi si dovrà dar corso alle procedure esecutive. Intanto Federalberghi e le aziende ricettive aderenti non hanno partecipato alla riunione indetta dalla Regione in segno di protesta contro una legge considerata come una vera e propria beffa.

Giubileo. Porte Sante aperte in tutta la Sardegna

Dopo Tempio, l'apertura delle porte sante si estende in tutta la Sardegna. Nella giornata di ieri sono state aperte le Porte Sante in diversi luoghi di culto. A Cagliari numerosi fedeli hanno partecipato alle cerimonie svoltesi presso la Cattedrale, la Basilica di Bonaria e la chiesa di Sant'Ignazio. In tanti hanno assistito anche alle cerimonie di Alghero, Bosa, Sassari, Oristano e diverse altre località dell'isola. Nei prossimi giorni seguiranno altre aperture che coinvolgeranno in totale 16 Santuari e 12 Cattedrali.

Trasporti. Onorato (Moby): i sardi viaggeranno con 14 euro

E' quanto annunciato da Vincenzo Onorato, patron di Moby Lines, dal palco della Leopolda di Firenze. La tariffa da 24 euro sarà applicabile per i residenti e le persone nate in Sardegna e sarà valida tutto l'anno per il collegamento fra l'isola e la terra ferma. Confermando che le tariffe dei traghetti scenderanno in maniera considerevole, Onorato ha sottolineato che l'abbattimento dei prezzi per i residenti in Sardegna è il risultato di un lavoro fatto con il Governo al fine di realizzare la vera continuità territoriale.

La Maddalena. In arrivo 5 milioni di euro per le bonifiche

A confermarlo è l'assessore regionale per la Difesa dell'Ambiente. Al Comune di La Maddalena verranno destinati 5 milioni di euro nel biennio 2016-2017, finalizzati al completamento delle opere di bonifica dello specchio acqueo dell'ex arsenale militare. L’Amministrazione Comunale maddalenina riceverà 1,5 milioni di euro nel 2016 e 3,5 milioni nel 2017.

Treno Veloce. La sfida - denuncia dell'on. Pili (Unidos)

"Una bufala, una farsa della Regione durata 500 giorni". Con queste parole Mauro Pili bolla l'operazione connessa all'acquisto e alla inaugurazione del treno veloce. Il deputato di Unidos punta il dito contro la Regione che avrebbe speso 80 milioni di euro per un treno che al massimo potrà raggiungere una velocità media di 86 km/ora, in una tratta ferroviaria rimasta ferma infrastrutturalmente agli anni 2000. "Un vero e proprio scandalo", tuona Pili, aggravato dai disagi connessi al cosiddetto viaggio inaugurale definito dall'esponente di Unidos "una inutile operazione di immagine per un treno che inciderà minimamente sul sistema ferroviario regionale". Infatti, l'assenza di doppio binario da San Gavino in poi, la mancanza di controllo a terra dei binari, pendenze e successioni continue di curve hanno determinato la bocciatura dell'alta velocità da parte dell'Agenzia per la Sicurezza. Un verdetto che Pili si impegna a trasmettere alla Corte dei Conti per valutare l'ipotesi di danno erariale. "Si tratta di un approccio al trasporto ferroviario da dilettanti allo sbaraglio", precisa il deputato di Unidos, ricordando che nel 2002 la Regione aveva avviato una operazione più strategica e lungimirante, rispetto al "miraggio del treno veloce", sfociata in un accordo di programma quadro che aveva stanziato quasi 400 milioni di euro per l'infrastrutturazione ferroviaria sarda. A supporto delle sue affermazioni lo stesso Pili ha organizzato questa mattina una "carovana della verità" a bordo di alcune Fiat 500. Partite dalla Stazione Ferroviaria in coincidenza con il viaggio inaugurale del treno "pseudo veloce", le auto, unitamente alla delegazione di Unidos, si sono dirette alla volta di Sassari con una velocità di crociera analoga a quella del treno: 86 km/ora. Federico Cheri

Cagliari. Lavori Municipio: ma non dovevano terminare ieri?

Continuano i disagi per la viabilità del centro cittadino a causa del blocco di via Roma per i lavori a Palazzo Bacaredda. A farne le spese soprattutto chi viene in città per lavoro e chi decide di dedicarsi allo shopping natalizio. I disagi più rilevanti si registrano nelle ore mattutine e in quelle del tardo pomeriggio quando via Roma, via Sassari, via Mameli, via Angioy e, naturalmente, il Largo Carlo Felice, diventano un inferno. Disagi anche per chi sceglie di muoversi con i mezzi pubblici che, causa ingorghi, difficilmente riescono a rispettare gli orari. Tutto questo nonostante l'Amministrazione Comunale aveva assicurato che i lavori si sarebbero conclusi mercoledì 9 dicembre (ieri).
Sottoscrivi questo feed RSS

Cagliari