Dorgali. A Cala Gonone le prove per operatori sanitari del servizio di elisoccorso regionale

Da giovedì 8 marzo le pendici che caratterizzano il territorio di Cala Gonone si sono trasformate in un vero campo di prova per i 196 operatori, 81 medici e 115 infermieri impegnati nelle prove attitudinali preliminari all'accesso al percorso di formazione per operatori sanitari del servizio di elisoccorso regionale. Resistenza fisica, predisposizione allo sforzo su terreno impervio, autocontrollo e attenzione generale, sono questi i principali banchi di prova delle attività formative denominate "Giornate Alpine". L'iniziativa, realizzata in stretta collaborazione con gli operatori del Soccorso Alpino, dovrà portare all'individuazione di 80 operatori (40 medici e 40 infermieri professionali) che, dopo un adeguato percorso formativo clinico assistenziale ed aeronautico, opereranno nelle tre elisuperfici di Olbia (operativa 24 ore), Cagliari e Alghero (operative per 12 ore). Già dai primi giorni di corso si è potuti giungere ad una prima scrematura. Di fatto sono già stati valutati 82 operatori (51 infermieri professionali e 31 medici) mentre sono solo 13 gli operatori che, benché convocati, non si sono presentati e per questo esclusi dall'intervento.

Dorgali. Riaperta al traffico la SS 125

Riaperta al traffico la strada statale 125, denominata "Orientale Sarda", in corrispondenza del km 196,600. Ad annunciarlo è l'Anas, dopo che la recente frana aveva causato uno sversamento di materiale sulla carreggiata. Pur non essendo rimasta danneggiata, la strada era stata chiusa al traffico in entrambe le direzioni, in via precauzionale, su richiesta del Comune. Ed è stato proprio il Comune di Dorgali che ha eseguito l'intervento di messa in sicurezza del tratto di strada interessato, liberando i massi pericolanti ancora presenti sul versante e ripristinando la funzionalità delle reti paramassi.

Dorgali. Attentato dinamitardo nel centro di accoglienza migranti

E' accaduto ieri notte intorno alle 2.30. I 64 ospiti e i due operatori che si trovavano nella struttura in località "Su babbu Mannu" sono stati svegliati di soprassalto dal fragore dell'ordigno. Oltre al danneggiamento di una porta l'esplosione ha provocato ingenti danni a un'ala della struttura. Lievi contusioni alle gambe per due nigeriani di 23 anni. In base ai rilievi effettuati dagli artificieri, accorsi sul luogo, unitamente ai Carabinieri della Compagnia di Siniscola e della stazione di Dorgali, l'ordigno era stato costruito artigianalmente con una buona quantità di esplosivo da cava. Avviate le indagini per risalire ai responsabili del gesto, sicuramente non prevedibile, anche perchè non sono mai emerse criticità di sorta o tensioni con la popolazione locale.

Dorgali. Attentato dinamitardo nel centro di accoglienza migranti

La neonata Cagliari Dinamo Academy debutterà al Palazzetto dello sport il prossimo 30 settembre. Inserito nel girone Ovest di A2, il team cagliaritano dovrà vedersela con la Pallacanestro Biella. L'appuntamento rappresenta un evento storico, che segna il ritorno in città del basket che conta a distanza di 37 anni. Infatti, l'ultima volta che i cagliaritani hanno potuto seguire una partita di serie A è stato il 24 febbraio 1980. Data che ha sancito la retrocessione in serie B dell'allora Acentro, battuta per 112-105 a Chieti. La prima trasferta per il team del presidente Giovanni Zucca è prevista per domenica 8 ottobre, contro il Basket Scafati. Sabato 14 ottobre di nuovo in casa, contro i Legnano Knights. Tra le sfide più affascinanti quella del 25 novembre in casa contro la Virtus Roma e quella del 24 febbraio 2018 contro la Mens Sana Siena. Con il debutto in serie A della Cagliari Dinamo Academy si spera in una nuova rinascita di tutto il movimento cestistico del capoluogo.
Sottoscrivi questo feed RSS

Cagliari