BANNER 300X250

Cagliari. Rilevamento della velocità nel mese di novembre

Il Corpo di Polizia Municipale ha reso noti luoghi e orari del posizionamento dell'apparecchiatura deputata al rilevamento della velocità durante il mese di novembre. In particolare, i giorni e i luoghi in cui saranno operativi gli strumenti di controllo della velocità sono:

3 martedì - viale Lungosaline - 14,00/18,00;

5 giovedì - viale Salvatore Ferrara - 14,00/18,00;

6 venerdì - Asse Mediano - 9,00/13,00;

10 martedì - viale Monastir - 14,00/18,00;

11 mercoledì - strada arginale Terramaini - 9,00/13,00;

14 sabato - via Lungosaline - 9,00/13,00;

16 lunedì - viale Monastir - 14,00/18,00;

17 martedì - viale Salvatore Ferrara - 9,00/13,00;

18 mercoledì - Asse Mediano - 14,00-18,00;

20 venerdì - strada arginale Terramaini - 9,00/13,00;

23 lunedì - viale Monastir - 9,00/13,00;

25 mercoledì - via Lungosaline - 9,00/13,00;

27 - venerdì strada arginale Terramaini - 14,00/18,00;

30 lunedì - viale Salvatore Ferrara - 9,00/13,00;

In caso di superamento dei limiti di velocità verranno comminate le sanzioni previste dall'articolo 142 del Codice della Strada.

Cagliari. Visita del colonnello De Luca, nuovo comandante della base militare di Decimomannu

Si è svolta oggi, presso il Palazzo Civico di via Roma, la visita istituzionale del nuovo comandante del Reparto Sperimentale e di Standardizzazione Tiro Aereo di Decimomannu, colonnello Cosimo De Luca. Ad accoglierlo il primo cittadino del capoluogo, Paolo Truzzu. L'incontro, organizzato nella consueta cordialità e condivisione degli obiettivi che caratterizzano le attività delle rispettive amministrazioni, in ottica anche dell'argomento sicurezza e misure anti Covid-19, ha rappresentato un importante momento di confronto anche in vista della prossima realizzazione della nuova Scuola di Volo presso la base di Decimomannu. Di fatto, oltre a costituire un polo di eccellenza internazionale per l'addestramento al volo avanzato dei piloti militari - a partire dal secondo semestre 2022 - la base rappresenterà un importante fattore di crescita per l'economia della Regione e per l'indotto locale. Il progetto comprende una forte attenzione all’aspetto ambientale. Le attività previste e le nuove infrastrutture saranno infatti caratterizzate da una marcata ecocompatibilità, con ampio ricorso alla simulazione. E grazie alle caratteristiche innovative dei velivoli utilizzati, come l’M-346, le attività di volo reali saranno limitate al 5 per cento del totale, senza l’impiego di alcun tipo armamento. Attualmente l'aeroporto di Decimomannu, sede del R.S.S.T.A. assicura il supporto tecnico logistico a tutti i reparti di volo dell'Aeronautica Militare, interforze e internazionali. Localizzata a poco meno di 20 chilometri da Cagliari, grazie anche alle favorevoli condizioni del clima sardo, agli ampi spazi aerei, alla presenza di importanti infrastrutture logistiche, la base è annoverata come luogo ideale per l'addestramento aereo. Inoltre, il R.S.S.T.A. offre importanti servizi alla collettività locale quali il servizio meteo di osservazione, il controllo di avvicinamento radar del traffico aereo civile e militare dell'area Centro-Sud Sardegna e la ricerca e il soccorso assicurato dall'80esimo Centro CSAR equipaggiato con elicotteri HH-212.

Cagliari. Drive-through alla Fiera per l'effettuazione di tamponi

E' quanto potrebbe essere previsto nell'ambito dell'operazione nazionale "Igea", voluta dal Ministero della Difesa. L'iniziativa che partirà questo fine settimana in alcune città italiane, è finalizzata a potenziare la capacità giornaliera di effettuazione dei tamponi sul territorio. In questo senso si è svolto oggi un primo incontro tra i rappresentanti dell'Esercito e il direttore sanitario del Covid-Hospital di Cagliari, Sergio Marracini, per valutare l'eventuale avvio del servizio, a partire dalla prossima settimana. Nel corso dell'incontro si è discussa la possibilità di aprire la postazione per i tamponi presso gli spazi della Fiera. Ancora da definire data precisa, orari e modalità del servizio che, differentemente dalle altre regioni d'Italia, verrà effettuato dai militari dell'Esercito, coadiuvati dalla Brigata Sassari.

Cagliari. La protesta delle palestre e degli esercizi commerciali

"Io vivo di sport", è la scritta sulle magliette dei partecipanti alla manifestazione di stamani tenutasi davanti al Palazzo del Consiglio Regionale di Roma. I manifestanti chiedono solo di essere ascoltati, contro la chiusura di palestre e piscine voluta dall'ultimo Dpcm del premier Conte. Anche il capoluogo sardo ha dunque partecipato alla manifestazione nazionale organizzata dalla Fipe Confcommercio per opporsi alla chiusura delle palestre e dei bar e ristoranti alle 18, indetta per il 28 ottobre. Associazioni sportive da tutta la Sardegna hanno ribadito le grandi spese sostenute per riaprire in sicurezza i locali. Spese buttate al vento, a quanto pare. Tutto questo, nonostante il contagio nelle palestre fosse quasi nullo. Diversi striscioni con la scritta "Lo sport è un'epidemia di salute" hanno accompagnato le proteste di migliaia di rappresentanti, coinvolti a vario titolo nella gestione delle palestre sarde. Tutti insieme per esprimere il loro diritto al lavoro. Tra loro anche numerosi atleti. Un solo coro: "Viva il diritto, viva il lavoro, noi vogliamo lavorare...". Lo sforzo ha portato alla fine ad un accordo per incontrare il presidente del Consiglio Regionale, al quale è stata ribadita l'esigenza di poter continuare a lavorare. Gli indennizzi non bastano, il mondo delle palestre chiede di poter rimanere aperti almeno fino alle 18,00 come fanno gli altri locali. Le manifestazioni previste per oggi sono state due, quella davanti al Consiglio Regionale e quella in Piazza del Carmine. Entrambe pacifiche e nel rispetto delle normative anticovid. In particolare, in Piazza del Carmine si sono radunate circa 200 persone. Rappresentanti di bar e ristoranti che hanno chiesto a gran voce di poter rimanere aperti fino alle 23,00. Una richiesta corroborata dal fatto che solamente il 3% dei contagi è ascrivibile alla frequentazione di locali e ristoranti - come sottolinea il presidente di Confcommercio sud Sardegna, Alberto Bertolotti. Oltre a Cagliari, i gestori dei locali hanno occupato le piazze di altri dieci capoluoghi di regione: Firenze, Torino, Genova, Milano Roma, Verona, Trento Bologna, Napoli, Palermo. Un settore che a livello nazionale offre occupazione a oltre 12 milioni di addetti i cui interessi devono essere tutelati. "Le direttive del governo non considerano il nostro lavoro e i nostri sacrifici. Chiudere alle 18,00 significa non continuare ad aprire, è un attentato a tutti noi"- spiega il rappresentante Fipe Confcommercio Sud, Emanuele Frongia. La Polizia ha presenziato alla manifestazione. Basta con il silenzio, finalmente 26 piazze italiane hanno manifestato". Sulla situazione è intervenuto anche il sindaco di Cagliari, Paolo Truzzu: "era vergognoso vedere le serrande abbassate alle 18,00, io sono con voi. Chiudere il paese non ha senso, voi siete le risorse della città e non dovete arrendervi, perchè il grande mare si forma goccia dopo goccia".

Giulietta Grauso

Cagliari. Ambulanze bloccate 24 ore: a rischio collasso la rete dei soccorsi

A denunciarlo è Michele Ciusa, consigliere regionale del M5S e segretario della Commissione Sanità che, accolte le preoccupazioni dei soccorritori, chiede all'assessore Nieddu di intervenire per scongiurare il progressivo depauperamento del servizio.

“Le immagini delle ambulanze in colonna davanti all'ingresso dell'ospedale Santissima Trinità o in sosta per ore nel piazzale - dichiara Ciusa - se da un lato ci fanno capire quanto sia diventata drammatica e ingestibile la situazione sul fronte Covid, dall'altro ci devono far riflettere sulle conseguenze di questa semi-paralisi dei mezzi di soccorso. Penso a tutte quelle chiamate al 118 in cui il fattore tempo è determinante, ai casi di infarto, agli incidenti stradali, ai quali oggi non si può più rispondere con la stessa prontezza di prima. Ma anche ai volontari stremati da attese infinite che, loro malgrado, stanno disertando i turni di soccorso, diventati insostenibili per chi il giorno dopo deve recarsi al lavoro. Sono tanti i meccanismi sui quali è necessario intervenire con la massima urgenza, non ultimo quello legato ai rimborsi per le associazioni di volontariato che essendo legati al chilometraggio sono diventati inadeguati. Come sappiamo i mezzi di soccorso restano in sosta anche per 24 ore e le associazioni stanno investendo risorse proprie per poter garantire il servizio”.

“Ci troviamo di fronte a una bomba a orologeria – sottolinea il capogruppo del M5S Michele Ciusa – che l'assessore alla Sanità ha il dovere di disinnescare intervenendo con misure volte a tutelare i volontari, gli operatori delle associazioni in campo e i cittadini sardi. In questi giorni convulsi gli operatori delle associazioni di volontariato e delle cooperative stanno affrontando questa battaglia affiancando agli operatori sanitari con grande spirito di abnegazione, e persino rimettendoci economicamente. Oltre ad aver ridotto il numero di interventi giornalieri da cinque a uno, adesso a causa delle lunghissime soste, gli operatori del soccorso stanno lavorando senza alcun introito e in alcuni casi devono persino contribuire all'acquisto dei dispositivi di protezione personale”.

“Non supportare il lavoro degli operatori dei mezzi di soccorso – conclude Ciusa - significa far lievitare il rischio di morte per altre patologie. La mala gestione dell'emergenza Covid in Sardegna è sotto gli occhi di tutti ma non possiamo tollerare che a pagare siano ancora una volta i cittadini”.

Cagliari. Visita del primo cittadino al 151° Reggimento Fanteria "Sassari"

Il primo cittadino cagliaritano, Paolo Tuzzu, ha visitato oggi la Caserma “Monfenera", sede del 151° Reggimento fanteria “Sassari”. Accolto dal nuovo Comandante di Reggimento, il Colonnello Marco Granari, e dalla Banda Musicale della Brigata “Sassari”, che al suo arrivo ha intonato le note dell’inno ”Dimonios”, il Sindaco ha salutato la Bandiera di Guerra del Reggimento e ha apposto la firma sull’albo d’onore. Durante l’incontro, avvenuto alla presenza di un numero ridotto di Ufficiali e Sottufficiali effettivi al Reggimento, in ottemperanza alle disposizioni governative in vigore emanate per il contenimento epidemiologico da COVID-19, il Sindaco ha rivolto al nuovo Comandante di Reggimento i migliori auguri di buon lavoro per il prestigioso incarico assunto in questi giorni, confermando ancora una volta i sentimenti di stima e ammirazione nei confronti dei “Dimonios” del 151° Reggimento, da sempre vicini alle Istituzioni ed alla popolazione cagliaritana.

Cagliari. Un positivo in Comune, Palazzo Civico chiuso per sanificazione

A seguito dell'attività di screening tramite test sierologici, programmati dall’Amministrazione Comunale, è stato rilevato un caso di positività tra il personale che presta servizio nel Palazzo Civico di via Roma. Gli uffici resteranno pertanto chiusi nella giornata di lunedì 26 ottobre per consentire le operazioni di sanificazione dei locali e il personale in servizio resterà a casa.

Calcio. Serie A: Cagliari - Crotone 4 a 2

Il Cagliari di mister Di Francesco battono il Crotone al Sardegna Arena con un convincente 4 a 2. Ad andare in goal Lykogiannis, Simeone, Sottil e Joao Pedro. In particolare, a parte la rete, il brasiliano si è reso protagonista di una prestazione ottima, procurando anche l'assist per il goal di Simeone. Tra le fila del Crotone l'ex Cigarini uscito ad inizio ripresa per doppia ammonizione. Con questa vittoria i rossoblù fanno un ulteriore passo avanti in classifica, portandosi a 7 punti.
Sottoscrivi questo feed RSS

giweather joomla module