Alghero. Furbetti del cartellino beccati con le mani nella marmellata

In evidenza Alghero. Furbetti del cartellino beccati con le mani nella marmellata
Un nuovo episodio che vede coinvolti dei dipendenti pubblici infedeli, beccati con le mani nel sacco dalla Guardia di Finanza. I soggetti in questione erano infatti abituati a timbrare in entrata il cartellino per poi andare a fare compere o passare alcune ore al bar. Tutto senza mai timbrare l'uscita dal posto di lavoro. Per questo motivo due impiegati del Comune di Alghero sono stati denunciati dalle Fiamme Gialle per truffa ai danni dello Stato e sono stati sospesi dal lavoro su disposizione del gip del Tribunale di Sassari. Le indagini sono state avviate circa un anno fa, a seguito di un esposto presentato per denunciare in maniera generica l'assenteismo del personale dipendente dagli uffici del Comune. I controlli e gli appostamenti dei finanzieri, coadiuvati dall'utilizzo delle immagini registrate, hanno consentito di inchiodare i dipendenti comunali infedeli. Ai due impiegati si è aggiunto un terzo dipendente, al momento indagato, che lasciava l'ufficio dopo aver timbrato il cartellino per raggiungere la sorella per aiutarla nella gestione di una società di autonoleggio. I primi due dipendenti sono stati sospesi dai pubblici uffici mentre il terzo si è autosospeso dal lavoro chiedendo e ottenendo dal Comune un periodo di aspettativa non retribuita.
Ultima modifica ilSabato, 11 Gennaio 2020 18:24

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

giweather joomla module