Cagliari. Blitz mercato S. Elia: sequestro di ulteriore materiale contraffatto

In evidenza Cagliari. Blitz mercato S. Elia: sequestro di ulteriore materiale contraffatto
Il bliz della Guardia di Finanza di Cagliari, effettuato durante il mercato domenicale di Sant’Elia, ha prodotto ulteriori sviluppi. Di fatto i finanzieri hanno ampliato lo spettro delle investigazioni e si sono recati presso l’abitazione dei due venditori, colti in fallo, nel Comune di Quartu Sant'Elena. Al suo interno, in prima battuta, i Baschi Verdi hanno rinvenuto scatole e bustoni contenenti ulteriore materiale contraffatto – non dissimile per tipologia e marchi riportati da quelli sequestrati su strada – pronti per essere commercializzati. Ma la scoperta più interessante è stata quella relativa al rinvenimento di un ingente quantitativo di etichette adesive ed in stoffa, riprodotte, per forma e dimensioni, in modo da essere applicate su scarpe, maglieria ed accessori “neutri” e trasformarli, almeno ad un primo sguardo, in prodotti del tutto simili agli originali. Infatti, prendendo ad esempio una scarpa, la stessa sembrava identica all’originale, ma, ad una osservazione più approfondita, i marchi apposti risultavano posticci e non perfettamente allineati, nonché, la suola non riportava i loghi del brand di appartenenza. L’abitazione dei due venditori è risultata così essere un luogo di vero e proprio assemblaggio dei prodotti illeciti, operazione che avveniva semplicemente con l’applicazione delle etichette grazie a colla e ferro da stiro, strumenti trovati in loco. Complessivamente, sono stati rinvenuti e quindi posti sotto sequestro, tra magliette felpe, pantaloni, scarpe ed occhiali, 849 prodotti nonché 6.617 etichette riportanti i marchi Fila, Converse, Nike, Colmar, Saucony Adidas e Timberland.
Ultima modifica ilLunedì, 15 Aprile 2019 18:22

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

giweather joomla module