Ventisei anni fa, il web, Crs4, Vol e la Sardegna. Di Maurizio Ciotola

In evidenza Ventisei anni fa, il web, Crs4, Vol e la Sardegna. Di Maurizio Ciotola
Sono passati trent’anni dalla nascita del Web, da quel 12 marzo del 1989 in cui Tim Berners Lee presento al Cern di Ginevra il software per la condivisione universale dei documenti, il WWW, World Wide Web. Nel 1993 nacque il primo sito web in Italia, a cura del Crs4 di Pula diretto da Carlo Rubbia, il www.crs4.it. Anche qui in Sardegna viene ricordato quel momento, che ha rivoluzionato il Pianeta e che grazie all’attuale tecnologia, sembra poter dare un’accelerazione senza precedenti storici al mutamento del nostro vivere. Da quella importante attività di ricerca e sviluppo del Crs4, nel 1994 nacque il primo provider italiano ed europeo: Video On Line, VOL, grazie all’imprenditore/editore Nichi Grauso, all’ingegnere Reinier Van Kleij, ad Alberto Rodriguez, Luigi Filippini e ad una nutrita squadra di professionisti che ancora operano sul Web. Renato Soru patron di Tiscali è stato uno di loro. Ventisei anni fa una iniziativa senza precedenti per la Sardegna, ci ha portato ad occupare i primi posti nel mondo in un ambito tecnologico che ha poi costituito e costituisce la nervatura delle comunicazioni mondiali. Ventisei anni dopo, oltre ai festeggiamenti, di cui in Italia e in Sardegna nel ricordare il passato siamo particolarmente bravi, nulla è rimasto. Vol è scomparsa, l’indotto che sembrava avviarsi intorno ad essa, idem, Tiscali nata poco dopo, oggi opera continue ristrutturazioni del personale riducendo sempre più il suo agire. Però per contro, in ventisei anni questa Regione, grazie ai suoi illustri politici, ha saputo spendere ingenti risorse per tenere in piedi aree di una industria ottocentesca già morta e sepolta allora, seppellita oggi, come i fatti mostrano. Qualche giorno fa la professoressa Mongiu ad un intervento pubblico, organizzato da Maria Francesca Chiappe, su “le Donne nella cronaca de L’Unione Sarda”, ha ricordato che in questa nostra terra più che l’invidia, che bene o male comporta il riconoscimento dell’altro, è praticata con riuscito esito, la negazione dell’altro. La professoressa Mongiu si riferiva alla scrittrice, premio Nobel, Grazia Deledda, cui la negazione della sua grandezza è durata a lungo sulla nostra Isola. Così non possiamo che richiamare per analogia una ulteriore negazione, ovvero la nascita dello strumento centrale, i provider, al fine di rendere accessibile al pubblico la rete internet, grazie alla nascita e allo sviluppo di Video On Line, cui Nichi Grauso ha saputo dar vita. Una politica attenta, costituita da uomini in grado di vedere il futuro e programmare uno sviluppo capace di portare fuori dal pantano l’economia regionale, avrebbe saputo cogliere l’opportunità cui il Crs4 e Vol hanno reso possibile in quegli anni. Non fu così, l’immobilità intellettuale e politica non riuscirono e soprattutto non vollero avviare un progetto di cambiamento, che probabilmente avrebbe mutato interamente il vivere di quest’Isola, ancora oggi proiettata all’indietro, verso la coda di una economia morta, di cui paghiamo il pesante scotto certificato da uno dei più alti indici di disoccupazione dell’Europa e d’Italia. Già ventisei anni fa si parlava della possibilità di connettere l’Isola con il resto del mondo ed impiantare una Silicon Valley nelle aree più interne e meravigliose della nostra Sardegna. Ventisei anni persi e i festeggiamenti odierni non restituiscono nulla a questa nostra Terra sfruttata e stuprata da industrie ottocentesche e raffinerie devastanti, se non la constatazione del male posto in opera da chi ha impedito quel percorso innovativo, intravisto dagli scienziati del Crs4, da un imprenditore visionario e da un nutrito numero di tecnici. Ma forse questa Terra ha ciò che si merita, per l’ingordigia di coloro che hanno approfittato delle loro rendite di posizione e grazie a gran parte della popolazione, abituata a servire i potenti in modo acritico e stupido. Quel passato non può più rivivere, ma non possiamo continuare a reiterare errori cui la storia ci ha mostrato esser mortali, proviamo ad uscire da questo ridicolo e meschino servilismo, per tracciare il futuro da cui dipende la vita e l’esistenza stessa di quest’Isola e dei nostri figli. Maurizio Ciotola
Ultima modifica ilMercoledì, 13 Marzo 2019 15:14

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

3°C

Cagliari

Partly Cloudy

Humidity: 77%

Wind: 14.48 km/h

  • 03 Jan 2019 13°C 1°C
  • 04 Jan 2019 12°C 1°C