Giustizia. In Italia vi è equità tra accusa e difesa per un cittadino comune? Di Maurizio Ciotola

In evidenza Giustizia. In Italia vi è equità tra accusa e difesa per un cittadino comune? Di Maurizio Ciotola
Sappiamo che, uno dei principi su cui si fonda qualsiasi Stato democratico è quello di una giustizia equa, esercitata in base alle leggi emesse dal Parlamento. E'chiaro che deve esservi una fonte primaria a cui il Parlamento deve rispondere nell’emissione delle leggi che, non possono essere declinate secondo una propria definizione di democrazia e di giustizia o in funzione delle maggioranze politiche esistenti. La Costituzione ha questo compito essenziale, cui le leggi devono rispondere e, ad essa quanto alle leggi, deve attenersi qualsiasi organo o cittadino dello Stato. E'la nostra Costituzione che, all’art. 3 sancisce l’uguaglianza dei cittadini davanti alla legge, cui in linea di principio e teorica, vi sono pochi dubbi sul suo mancato rispetto nei tribunali della Repubblica. E'pur vero però che, l’ingranaggio giuridico cui un cittadino è costretto ad affrontare a causa di un procedimento penale o civile, di cui è parte accusata, fa emergere aspetti, che non pregiudicano l’uguaglianza di fronte alla legge, ma di fronte agli ostacoli di ordine economico e sociale, che nei fatti limitano l’uguaglianza in sé, fino a determinare un’evidente parzialità. Immaginiamo un cittadino di fronte a un’accusa generica, e analizziamo quali sono gli strumenti a disposizione dello stesso per una giusta difesa, rispetto all’accusa, al Pubblico Ministero, ovvero la Procura della Repubblica, che dispone a differenza, strumenti illimitati sul piano tecnico ed economico. Quale dovrà essere la disponibilità economica dell’imputato, per potersi avvalere di una difesa in grado di riuscire a dimostrare la sua innocenza? e altresì, di avvalersi di un legale, capace ad utilizzare le diverse accezioni interpretative insite negli articoli del codice di procedura penale/civile, per riuscire ad eludere l’aggressione giudiziaria e a non subire la condanna? Se la legge è uguale per tutti, è altresì significativo, ai fini del risultato finale, avere a disposizione una difesa in grado di misurarsi con l’accusa su un piano paritario e reale degli strumenti a disposizione. Se le misure economico-sociali del cittadino-imputato, sono minime o nulle, quali e quante saranno le possibilità affinché questi risulti non colpevole, e nello specifico dei casi penali, quante probabilità avrà egli di eludere la detenzione negli istituti di pena? Nei fatti vi è una differenza sempre più marcata tra cittadini abbienti e quelli meno abbienti, non solo sul piano della sanità, dell’istruzione, dell’alimentazione di qualità, ma anche e non in misura secondaria, per quanto riguarda la giustizia. Qualche giorno fa un noto magistrato, ex pm d’assalto, ha chiaramente dichiarato che, nelle carceri non si trovano colletti bianchi. Chi frequenta le carceri è perfettamente al corrente che in esse sono presenti una grande quantità di condannati per reati minori, furti esigui, rapine e spaccio di droga. E'altresì lampante che, chi ha la possibilità di accedere a studi di legali pluri-accreditati, ancorché costosi, riesce ad evitare il carcere, diversamente da chi può solo avvalersi di una cosiddetta difesa minimale o di ufficio. Se l’accusa, il pubblico ministero, ha a sua disposizione strumenti investigativi pressoché illimitati, nei confronti di qualunque cittadino della Repubblica imputato di un reato, ci chiediamo perché la difesa è invece delegata alle risorse dello stesso, che se non in alcuni rarissimi casi, per altro ben noti, sono ben distanti da quelle dell’accusa? Premesso che è utopistico immaginare una uguale disponibilità di risorse economiche per tutti, è sicuramente possibile però pensare di rendere disponibile, attraverso opportuni strumenti, economici ed investigativi, ma soprattutto di garanzia, una condizione egualitaria per la difesa di chiunque. Non uno Stato/mostro da cui difenderci, perché organizzato secondo un modello borbonico e opprimente, ma uno Stato capace di guardare al cittadino come un suo pilastro e non come ad un nemico. Non possiamo più respingere oltre, una completa revisione di questo stesso Stato/mostro, che è sempre più strumento delle diverse lobby antistato, grazie alle pesanti infiltrazioni di soggetti ad esse affiliati. Maurizio Ciotola
Ultima modifica ilMercoledì, 05 Dicembre 2018 20:00

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

10°C

Cagliari

Clear

Humidity: 83%

Wind: 33.80 km/h

  • 11 Dec 2018 15°C 10°C
  • 12 Dec 2018 15°C 9°C