Iglesias. Sit - in di protesta contro l'ampliamento della fabbrica di bombe RWM

In evidenza Iglesias. Sit - in di protesta contro l'ampliamento della fabbrica di bombe RWM
Gli attivisti del Comitato di Riconversione della RWM non ci stanno e organizzano per giovedì 8 Novembre un sit - in sotto gli Uffici Comunali di Via Isonzo 7 ad Iglesias. Infatti, come si legge in un loro comunicato stampa, il Comune di Iglesias potrebbe aver già deciso di autorizzare la realizzazione di 2 nuove linee produttive di bombe per aereo nel territorio iglesiente, in Regione San Marco. Una situazione che porterebbe all'ampliamento della capacità produttiva della fabbrica di bombe, cui gli attivisti del Comitato di Riconversione avevano già espresso numerose perplessità rispetto alla compatibilità ambientale del progetto ed alla correttezza dell'operazione dal punto di vista giuridico. Perplessità che non sono state prese in considerazione dal Comune di Iglesias che, non essendo pervenuti altri pareri contrari, autorizzerà i nuovi reparti di produzione senza ulteriori indagini, "cioè - si legge nel comunicato stampa - senza neppure chiedere alla Regione la Valutazione dell'Impatto Ambientale, come invece aveva ritenuto di fare per il Campo Prove Esplosivi (R140)". Ed prorio l'aspetto della tutela ambientale che sembra preoccupare maggiormente il Comitato che sottolinea come "l'area oggetto dell'insediamento si trova vicina al centro abitato, in una zona boschiva a ridosso del Sito di Interesse Comunitario "Marganai - Monte Linas". Inoltre, secondo gli attivisti "triplicare la produzione significherà inevitabilmente moltiplicare anche i rischi per l'ambiente dovuti sia alle emissioni inquinanti della fabbrica che al continuo traffico di mezzi pesanti carichi di sostanze esplosive e tossiche che attraverseranno in quantità tripla le strade, i porti e gli aeroporti della Sardegna in entrata ed in uscita, dato che, oltre ad esportare fuori dall'isola tutta la produzione, lo stabilimento ha necessità di importare regolarmente le sostanze utilizzate per il confezionamento delle bombe". Non meno importante il tema dell'eticità, strettamente connesso all'operatività della RWM. In questo senso gli attivisti non hanno dubbi: "ci avvieremmo così a concedere ancora una volta il nostro territorio ad un'economia di morte, connotando il Sulcis Iglesiente come terra delle bombe e non dello sviluppo sostenibile e della pace, come potrebbe essere con una politica lungimirante. Regaliamo la nostra reputazione e il nostro futuro in cambio di un lavoro - si legge ancora nel comunicato stampa - i cui introiti sono infimi rispetto a quelli dell'azienda pesantemente coinvolta nella guerra in Yemen, che seguirà il mercato e quando lo riterrà opportuno, a prescindere dai nostri bisogni, lascerà qui l'ennesimo scheletro inutilizzabile".
Ultima modifica ilMercoledì, 07 Novembre 2018 18:37

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

17°C

Cagliari

Partly Cloudy

Humidity: 72%

Wind: 24.14 km/h

  • 20 Nov 2018 17°C 12°C
  • 21 Nov 2018 18°C 13°C