Il data base aperto e vincolante del mercato del lavoro, che nessuno vuole. Di Maurizio ciotola

In evidenza Il data base aperto e vincolante del mercato del lavoro, che nessuno vuole. Di Maurizio ciotola
Il mondo del lavoro è cambiato ed è in continua evoluzione, ciò non di meno i diritti civili prima ancora che specifici, non necessitano di alcun superamento e del resto, come potrebbero in questa auspicata evoluzione. I diritti di tutela non possono ammettere ambiti in cui essi vengono sospesi o annullati, altresì non possiamo accettare o veicolare opportunamente un dumping sociale verso cui ci sta spingendo un’imprenditoria incosciente e senza qualità, tanto più senza etica. Il Partito Democratico e i sindacati hanno fallito perché, il primo è stato spinto e sponzorizzato da un capitalismo senza regole, i secondi perché intenti a proteggere solo élite di lavoratori tutelati e soprattutto pensionati, estranei al mondo del lavoro, ma purtroppo significativi azionisti di riferimento dei sindacati medesimi. Se esiste un mercato del lavoro, questo deve esser visibile ed evidente per i lavoratori, che devono conoscere in tempo reale e globale, la domanda e le tipologie di lavoro presenti sul territorio, nel Paese e nell’intera Europa. Un mercato del lavoro in cui i diritti del conoscere per poter aderire alla domanda di lavoro, devono consentire al lavoratore di accedere all’intero aggregato, definito nelle tipologie specifiche, della domanda presente sul territorio, senza che questa venga nascosta e gestita da operatori del settore, che solo sulla carta appaiono imparziali. Il Sen. prof. Pietro Ichino, comunista e poi diessino, propose una riforma in tal senso, con esito negativo, al punto di finire egli stesso emarginato dal centro sinistra e dai sindacati. Quando la Confindustria o i tanti esperti parlanti, ci espongono il teorema della fine del lavoro a tempo indeterminato, in realtà non hanno mai voluto renderlo mobile con le clausole specifiche, per cui il lavoratore possa accedere agli stessi strumenti di conoscenza in possesso dei datori di lavoro, in merito alla domanda di lavoro presente sul territorio e nel Paese. Questo ha consentito una frammentarietà e una precarietà al ribasso, attraverso cui sono stati veicolati gli effetti di un dumping sociale, contravvenendo in modo palese ai diritti civili e del lavoro. Fino a quando tali domande saranno rese frammentarie e governate da società con scopi di lucro, dai sindacati con scopi clientelari unitamente ai partiti politici, e dalle istituzioni organizzate per rendere indisponibile tale servizio, gli unici che andranno a perdere reddito e professionalità, per accettare umiliazioni e miserabili compensi, saranno i lavoratori. La gestione controllata dell’offerta, quanto della domanda di lavoro, business delle agenzie di lavoro, dei sindacati e dei partiti politici, consente a questi di assegnare ed offrire agli adepti e ai fedeli, financo a chi paga per le agenzie di lavoro, i posti disponibili come una sorta di elargizione generata da uno pseudo sforzo ed impegno, cui il lavoratore dovrà attenersi versando l’obolo, sia esso monetario quanto elettorale. E'possibile organizzare e rendere disponibile una banca dati, per tipologie e categorie di lavoro, quanto per territorio e nazionalità, in cui i datori di lavoro devono essere obbligati ad inserire le loro richieste, che saranno rese visibili all’intera popolazione abile al lavoro. Sarebbe un vero mercato libero in cui la domanda sarà costretta ad incontrare un’offerta non più al ribasso, come oggi avviene per quella voluta privazione di conoscenza riguardante la quantità e la qualità delle domanda dei datori di lavoro. Sarebbe l’unica rivoluzione possibile, che costringerebbe i sindacati a compiere il loro lavoro originario, quello di scrittura dei contratti e del rispetto delle tutele dei lavoratori, piuttosto che quello di ufficio di collocazione su base clientelare. Garantirebbe ai lavoratori un reddito di tutto rispetto, legato ovviamente alle loro qualità e capacità professionali, privando altresì i partiti politici del loro potere di vincolo su base clientelare, fino ad azzerare il mondo delle agenzie di lavoro intermedie, che svolgono un vero e proprio ruolo di caporalato legalizzato. Qualsiasi complessità ha la necessità di venire mostrata e conosciuta ai fini di esser resa disponibile, attraverso ambiti trasparenti e diretti, diversamente da come oggi accade, celata e veicolata da organismi intermedi, che attraverso la loro gestione cercano di trarre vantaggio e denaro a danno di altri, in spregio agli irrinunciabili diritti umani e civili. Maurizio Ciotola
Ultima modifica ilMartedì, 03 Luglio 2018 20:00

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

giweather joomla module