Cagliari. Sgominata banda di nomadi "caminanti"

La crisi del commercio si fa sentire anche in Sardegna dove la riduzione del comparto ha fatto registrare un - 17,7% negli ultimi dieci anni. Peggio hanno fatto la Valle d'Aosta (-21%), la Sicilia (-20,8) e il Piemonte (-18,6). Alla scomparsa dei negozi si contrappone la crescita sul fronte della ristorazione e della ricettività turistica. In base alla Confesercenti, che ha confezionato i dati, l'eccesso dell'offerta e la contrazione della domanda a causa della crisi, avrebbe accelerato il processo di selezione naturale delle attività commerciali, in particolare i negozi. Di fatto - come sottolineato da Confesercenti - la gente va più facilmente al ristorante che ad acquistare abbigliamento, alla ricerca di maggiore "socialità". Una ulteriore causa di crisi delle attività commerciali sarebbe inoltre ascrivibile all'imperante fenomeno della contraffazione e la crescita della grande distribuzione. Chi invece sorride sono gli operatori attivi nel comparto delle vacanze. Qui la crescita è costante, in particolare per le strutture extralberghiere.
Ultima modifica ilGiovedì, 07 Settembre 2017 21:59

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Cagliari