BANNER 300X250

Cagliari. L'arte degli anni Ottanta protagonista alla Galleria Comunale d'Arte

“Vogliamo fare in modo che il mondo culturale arrivi sempre di più a tutta la città e per questo iniziative come quella che presentiamo oggi, possono essere un ottimo strumento per raggiungere l'obbiettivo. Il museo spesso viene visto in maniera lontana e distante dalla vita quotidiana, in una visione “popolare”. Vogliamo portare la cultura nel tessuto cittadino”. Sono le parole di Paola Piroddi per la nuova iniziativa lanciata dall'Assessorato alla Cultura da lei guidato che oggi ha visto nascere la mostra “Back to the '80 – Gli anni Ottanta dentro e fuori le Collezioni Civiche”. I dettagli dell'allestimento alla Galleria Comunale d'Arte, che dopo la preview dedicata alla stampa sarà visitabile a partire da giovedì 6 agosto 2020, sono stati illustrati in una conferenza alla quale, oltre all'Assessore Piroddi, hanno preso parte anche la Dirigente del Servizio Cultura, Antonella Delle Donne, oltre a Efisio Carbone e Tiziana Ciocca che hanno curato la mostra. La mostra sarà aperta al pubblico fino al 4 ottobre 2020, e offrirà ai cagliaritani l'occasione di toccare con mano gli anni Ottanta grazie alle collezioni messe a disposizione dai vari artisti che hanno voluto prendere parte all'iniziativa della quale faranno parte anche le ceramiche della Collezione Ingrao, da parecchio tempo non disponibili al pubblico. Ma il viaggio nel tempo non si esaurirà con l'esposizione alla Galleria Comunale d'Arte, perché il Servizio Cultura ha predisposto alcuni appuntamenti in tema che verranno ospitati nello scenario dei Giardini Pubblici. Il 13 agosto alle 21 saranno gli “Esluso il Cane + R.I.S. (Rock Italian Style)” ad animare la serata, imitati il 27 agosto, sempre allo stesso orario, dagli “Echo 80”. Mentre a settembre, il 10 e il 24, con inizio alle 19, la musica lascerà spazio agli aperitivi culturali. E il 17 settembre sarà il turno dell'artista Rosanna Rossi che incontrerà il pubblico per raccontare della sua installazione fatta negli anni Ottanta in Galleria, per mettere in risalto il legame tra arte e colore.

“Inizia oggi – il commento di Antonella Delle Donne – questa nuova sfida per il nostro Assessorato che non ha rinunciato alla sua offerta culturale nemmeno durante il periodo di massima diffusione del Covid-19. Stiamo cercando di dedicarci in ogni sede con una vocazione particolare. Le esposizioni temporanee e di grande pubblico hanno trovato spazio al Palazzo di Città e ora con questa nuova esposizione in Galleria, vogliamo far si che i musei facciano sempre più parte della vita del cittadino. Lanciamo, per questo, delle nuove tariffe, per sostenitori dei musei, per famiglie e con abbonamenti annuali, che daranno dei privilegi a chi sosteniene la cultura in città. Musei e Cultura, quindi non sono un mondo elitario ma devono far parte di tutta la cittadinanza”.

Per evitare gli assembramenti, per visitare la mostra sarà necessario prenotare al numero di telefono 070/6776454 o nell'apposita sezione del sito dei Musei Civici di Cagliari. Le visite verranno effettuate dal martedì alla domenica, dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20 con un costo del biglietto intero di 6 euro, mentre il tagliando ridotto è stato fissato a 3 auro (per studenti fino ai 26 anni, gruppi di almeno 15 persone, sdulti oltre i 65 anni). Gratuito l'ingresso per i minori di 6 anni, per i giornalisti, per i portatori di handicap con il loro accompagnatore e per i soci ICOM.

  • 0

Turismo. Dalla Regione in arrivo 1,5 milioni ai tour operator per i viaggi post Covid

Il turismo, anche in Sardegna, è stato uno dei settori maggiormente colpiti dalla pandemia SARS CoV-2. L’assessorato regionale ha pertanto varato una misura straordinaria, derivante da fondi De Minimis, che prevede l’erogazione di contributi fino a 1,5 milioni di euro in favore dei tour operator, per l’organizzazione di viaggi in Sardegna effettuati nel periodo compreso tra il 1° luglio e il 31 ottobre 2020. La decisione è stata così spiegata dall’Assessore del Turismo Gianni Chessa: "abbiamo ritenuto fondamentale promuovere una misura straordinaria finalizzata a supportare le imprese del settore nel post-Covid, con un incentivo destinato al proseguo delle attività”. Per i pacchetti fruiti dai viaggiatori italiani è stato destinato un importo pari a 300 mila euro, 600 mila per quelli provenienti dall’area UE. Altri 600 mila saranno invece resi disponibili per il totale delle prenotazioni dall’area extra Europa. Nello specifico, ogni agenzia di viaggio o tour operator potrà beneficiare di un massimale di 100 mila euro, che si estende a 150 mila per i mercati di provenienza extra europea. Lo sportello per la richiesta dei contributi entrerà in funzione il 17 agosto e resterà attivo fino alla mezzanotte del 30 settembre. I documenti sono consultabili nella sezione Bandi e Gare del sito della Regione Autonoma della Sardegna.
  • 0

Emergenza Covid-19. Riorganizzazione rete ospedaliera regionale: approvazione del Ministero della Salute

Il piano di riorganizzazione della rete ospedaliera in emergenza Covid-19, varato in via definitiva dalla Regione Sardegna il 9 luglio, è stato interamente approvato dal ministero della Salute e ora potrà entrare nella fase operativa, con la realizzazione delle opere infrastrutturali nei presidi e l’implementazione delle attrezzature, dei mezzi e del personale. In particolare, nei presidi ospedalieri dell'Isola - già predisposti alla gestione dei casi Covid-19 nelle precedenti fasi dell’emergenza sanitaria - Santissima Trinità di Cagliari, San Francesco di Nuoro e cliniche San Pietro dell'Aou di Sassari, a cui si aggiungono gli ospedali San Martino di Oristano e Santa Barbara di Iglesias, saranno attivati 101 nuovi posti letto di terapia intensiva. Di questi 6 di terapia intensiva pediatrica. In aggiunta, 115 posti letto di terapia subintensiva, attraverso la riconversione di posti letto già attivi. Il 50% di questi ultimi, inoltre, sarà allestito in modo da essere, all’occorrenza, immediatamente convertibile in terapia intensiva.

“La risposta del Governo – ha sottolineato il Presidente della Giunta Regionale, Christian Solinas – è un ulteriore conferma della bontà del nostro lavoro e delle misure adottate dalla Regione per far fronte all’epidemia e garantire la sicurezza dei cittadini e dei turisti. È un piano che potenzia l’assistenza sanitaria ospedaliera sul territorio e rafforza il modello organizzativo adottato per rispondere alla pandemia durante la fase più critica. La Sardegna è in grado di fronteggiare qualsiasi emergenza”.

“La bassa circolazione virale nell’Isola – ha invece dichiarato l’assessore regionale della Sanità Mario Nieddu – non deve farci abbassare la guardia. Il piano individua interventi e risorse importanti per potenziare la capacità d’assistenza del nostro sistema sanitario e garantire maggiore sicurezza, attraverso, ad esempio, la rimodulazione dei percorsi nei pronto soccorso. In particolare, per il Santa Barbara di Iglesias, prevediamo importanti interventi strutturali che consentiranno di rispondere all’esigenza di rilanciare un presidio in cui abbiamo individuato dodici posti letto in terapia intensiva e 8 di subintensiva, di cui quattro convertibili in terapia intensiva all’occorrenza”.

Individuati nel piano, inoltre, 112 posti letto di area medica, di cui 18 da dedicare ai pazienti pediatrici, per la gestione dei pazienti che necessitano di assistenza a bassa complessità o nella fase riabilitativa post-acuta, e stabilisce la riorganizzazione e ristrutturazione dei Pronto Soccorso con l’obiettivo prioritario di separare i percorsi e creare a aree di permanenza dei pazienti in attesa di diagnosi che garantiscano i criteri di sicurezza anti-contagio. Indicati anche gli spazi attrezzabili con le strutture mobili nelle aree di sosta dell’ospedale San Francesco di Nuoro e delle Cliniche Universitarie dell’Aou Sassari. Il piano avrà una dotazione di 42 milioni di euro, che serviranno per l’acquisto di attrezzature e la realizzazione dei lavori strutturali. La Regione ha inoltre provveduto con sue risorse all’implementazione dei mezzi disponibili per il trasporti dei pazienti tra le strutture ospedaliere e per le dimissioni protette mentre è prevista una dotazione di 12 milioni di euro per il reclutamento del personale da dedicare ai reparti di terapia intensiva, semintensiva e ordinaria, ai Pronto soccorso e ai trasporti secondari.

  • 0

Aggiornamento coronavirus del 5 agosto: 9 nuovi casi

Sono 1.427 i casi di positività al Covid-19 complessivamente accertati in Sardegna dall'inizio dell'emergenza. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale si registrano 9 nuovi casi, di cui due migranti arrivati in Sardegna con gli ultimi sbarchi. In totale sono stati eseguiti 109.882 tamponi. I pazienti ricoverati in ospedale sono 5, nessuno in terapia intensiva, mentre 53 sono le persone in isolamento domiciliare. Il dato progressivo dei casi positivi comprende 1.236 pazienti guariti, più altri 4 guariti clinicamente. Sul territorio, dei 1.427 casi positivi complessivamente accertati, 267 (+5 rispetto al dato di ieri) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 127 (+2) nel Sud Sardegna, 61 a Oristano, 84 (+1) a Nuoro, 888 (+1) a Sassari.
  • 0

Caccia. Approvazione del calendario venatorio

Con l'approvazione del calendario venatorio 2020/2021 da parte del Comitato regionale faunistico, a partire dal 3 settembre i cacciatori potranno imbracciare nuovamente il fucile. Si parte giovedì 3 settembre con la caccia alla tortora (seconda ed ultima giornata domenica 6 settembre), alla cornacchia grigia ed alla ghiandaia. Poi, da domenica 20 settembre, le specie cacciabili saranno germano reale, alzavola, canapiglia, codone, fischione, folaga, gallinella d’acqua, marzaiola, mestolone, moriglione, porciglione, beccaccino, frullino, merlo, cesena e quaglia. Per beccaccia, tordo bottaccio, tordo sassello, colombaccio e volpe bisognerà aspettare giovedì 1 ottobre. Caccia all’allodola da domenica 4 ottobre, alla pavoncella da giovedì 15 ottobre ed al cinghiale da domenica 1 novembre. Per l'apertura della caccia alla lepre sarda, alla pernice sarda ed al coniglio selvatico sarà necessario attendere gli esiti dei censimenti estivi: i dati dovranno essere elaborati, come lo scorso anno, entro il 20 settembre. La chiusura della stagione venatoria è prevista per domenica 31 gennaio 2021, tranne per allodola, merlo e quaglia (anticipata a giovedì 31 dicembre), per beccaccia (anticipata a giovedì 28 gennaio 2021), per cornacchia grigia, ghiandaia e colombaccio (posticipata a mercoledì 10 febbraio 2021).
  • 0

Lavori pubblici. Assunzioni Anas in Sardegna entro sei mesi

Verranno avviate con procedure da effettuare in via telematica - a causa delle limitazioni derivanti dal Covid che rallenterebbero le selezioni - e riguarderanno il personale da impiegare principalmente sulle strade della Sardegna e in misura minore negli uffici. È il risultato dell’incontro avvenuto via web tra l’Assessore dei Lavori Pubblici Roberto Frongia e l’Amministratore delegato di Anas Massimo Simonini.

“Abbiamo ribadito la necessità che la struttura sarda di Anas abbia più autonomia, condividendo l’esigenza di dotarla di personale sardo da inquadrare nei cantieri in essere e in quelli che da qui a fine anni vedranno la luce. Abbiamo attivato una macchina imponente per accelerare i lavori sui maggiori collegamenti viari sardi e sulle strade secondarie, ma per farla correre abbiamo bisogno di uomini ”, ha detto Frongia.

Nel corso della videoconferenza sono stati toccati i temi caldi che riguardano l’operatività di Anas nell’Isola e i progetti futuri, senza tralasciare il tema del rafforzamento dell’organico, necessario affinché vengano individuate le figure che oggi mancano a causa dei pensionamenti “quota 100” e della mancanza di turn-over. Tra le professioni da inserire negli organici figurano cantonieri, capi squadra e sorveglianti, a cui si aggiungono (anche se in misura minore) gli amministrativi. Individuata anche la strada più veloce per far pervenire la candidatura, che dovrà passare per il sito di Anas e non più attraverso selezioni e concorsi che presupponevano la disponibilità economica per affrontare viaggio, vitto e spesso anche alloggio, in spregio a qualsiasi condizione di equità e giustizia rispetto agli abitanti delle altre regioni d’Italia candidati per le medesime posizioni. Attraverso la banca dati verranno poi individuate le figure necessarie. “Per problemi legati al Covid le selezioni prenderanno come base dati le richieste sul sito – ha spiegato l’esponente della Giunta Solinas – Così come è stato garantito da Anas, le selezioni potranno essere effettuate anche in maniera snella attraverso videoconferenze”

  • 0

Teulada. Cantiere edilizio sul litorale di Tuerredda

E' quanto rilevato dall'associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico Onlus (GriG) che, per vederci chiaro, ha inoltrato una specifica istanza di accesso civico, informazioni ambientali e adozione degli opportuni provvedimenti. Ad essere coinvolti, il Ministero per i beni e attività culturali e il turismo, la Regione autonoma della Sardegna, il Comune di Teulada, il Corpo forestale e di vigilanza ambientale, i Carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale. Informata, per opportuna conoscenza, anche la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari. In base ai primi rilievi pare si tratti della realizzazione di una residenza privata. Da qui l'intervento dell'associazione per chiarire se sussistono o meno le necessarie autorizzazioni amministrative. Di fatto l’area sarebbe tutelata con vincolo paesaggistico (decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.) e con vincolo di conservazione integrale nella fascia dei metri 300 dalla battigia marina (legge regionale n. 45/1989 e s.m.i.), disciplina recepita nel piano paesaggistico regionale (P.P.R., 1° stralcio costiero).
  • 0

Coronavirus. Aggiornamento del 4 agosto: due nuovi casi

L'Unità di Crisi Regionale, nel suo ultimo aggiornamento, ha registrato due nuovi casi tra loro collegati. Si tratta di due donne, tra cui una turista italiana arrivata nell’Isola dopo un viaggio all’estero. Entrambe si trovano in isolamento domiciliare. Con la rilevazione di questi due nuovi contagi si attesta a 1.418 il numero totale dei casi di positività al Covid-19, complessivamente accertati in Sardegna dall'inizio dell'emergenza. Resta invariato il numero delle vittime 134 in tutto.reS In totale sono stati eseguiti 108.850 tamponi. I pazienti ricoverati in ospedale sono 3, nessuno in terapia intensiva, mentre 42 sono le persone in isolamento domiciliare. Il dato progressivo dei casi positivi comprende 1.235 pazienti guariti, più altri 4 guariti clinicamente. Sul territorio, dei 1.418 casi positivi complessivamente accertati, 262 sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 125 (+2 rispetto al dato di ieri) nel Sud Sardegna, 61 a Oristano, 83 a Nuoro, 887 a Sassari.
  • 0

Poste Italiane. Anche a Cagliari vacanza senza bagagli con Poste Delivery Web

Da oggi anche i cittadini e i turisti in vacanza a Cagliari possono partire liberi dal peso dei bagagli con Poste Delivery Web. Il servizio di Poste Italiane permette di spedire le proprie valige comodamente dal PC o dallo smartphone, in Italia senza più la paura di eccedere il peso consentito per l’imbarco di un bagaglio oppure di perdere gli acquisti fatti in vacanza perché non entrano in valigia. Attivare Poste Delivery Web è molto facile e bastano pochi click. È sufficiente collegarsi al sito https://postedeliveryweb.poste.it e acquistare on line una o più spedizioni: Poste Italiane eseguirà il ritiro gratuito direttamente all’indirizzo indicato ed effettuerà la consegna all’indirizzo specificato dal cliente. È possibile scegliere il ritiro a domicilio senza costi aggiuntivi oppure effettuare la spedizione da uno degli uffici postali abilitati della città metropolitana. Il bagaglio può essere fatto recapitare anche in Fermoposta presso gli uffici postali abilitati. Sul sito è possibile individuare le sedi in cui il servizio di spedizione con Poste Delivery Web è attivo e quelle abilitate al ritiro in Fermoposta. È possibile anche monitorare lo stato della spedizione, dalla partenza fino all'arrivo a destinazione, chiedendo gratuitamente di essere aggiornato o di aggiornare il destinatario sullo stato dell’invio con e-mail o sms. Poste Delivery Web permette di spedire pacchi e bagagli fino a 30 kg di peso e 220 cm come somma delle tre dimensioni, con una consegna prevista in Italia da 1 a 3 giorni lavorativi successivi a quello di spedizione con il servizio veloce ed entro 4 giorni lavorativi con la spedizione standard. Inoltre, viene messo a disposizione dei clienti un Archivio dove consultare lo stato delle spedizioni, una rubrica dove salvare e gestire i contatti preferiti e una sezione bozze dove salvare le spedizioni non concluse. È possibile attivare Poste Delivery Web anche attraverso la APP Ufficio Postale.
  • 0

giweather joomla module